L’Uomo è un animale (sociale?).

“L’uomo è un animale sociale.”

BOOOOOOOOOP!!! RISPOSTA ERRATA, cari i miei Aristotele e Seneca.

La donna è un animale sociale. L’uomo è un animale. Punto.

Ok, lo ammetto, la mia spiccata misantropia in questo periodo è un tantino focalizzata sul genere maschile.
Il punto è che sono stanca di sentire uomini lamentarsi della non serietà delle donne quando il mantra collettivo del sesso “forte” sembra essere diventato: “Scusa, ma non mi sento pronto a una storia seria, non mi va proprio di legarmi.”.

Beh, cari maschietti, sapete una cosa? AVETE ROTTO IL CAZZO!!!

Se queste sono le VOSTRE premesse, mi sembra ragionevole che noi donne ci comportiamo di conseguenza. Dunque perché mai noi dovremmo essere “serie” se tanto quello che ci aspetta è uno scontato due di picche al momento di tirar fuori i coglioni e iniziare a comportarsi da “grandi”?!

Nessuno vi sta chiedendo di trasformarvi all’istante in tanti perfetti principi azzurri. Ci siamo evolute anche noi, lo sappiamo che i miracoli non esistono. Quello che vi si chiede è un briciolo di fottuta coerenza.
Se non mi piaci, io con te non ci esco, non ci ceno, non ci bevo, men che meno ci faccio quello che vorresti tu…
Invece tu, Homo Sapiens (e questa vorrei proprio che qualcuno me la spiegasse, “Sapiens” de che???), mi incontri, mi inviti fuori, mi offri la cena, poi un drink, una passeggiata sul lungomare, io non te la do lo stesso, perché sì, sono stronza, eppure tu torni alla carica…
Il secondo giro non è diverso dal primo. Al terzo ti ritrovi in una bettola fra i miei amici schizzati e sciattoni, ma non molli. Arrivano perfino i complimenti. Sparate che insinuerebbero sospetti perfino nella fiduciosa nonna di Cappuccetto Rosso, del tipo che prima o poi la bellezza abbandona tutti e che è l’interiorità di una persona a contare. Intuile dire che a questo segue un elenco di tutte le cose che è bellissimo fare con me: parlare, ridere, scherzare, discutere, confrontarsi… E a questo punto penso: dai, su, dillo, eri una donna! Se non prima dell’intervento, quanto meno nella vita precedente. Invece no, a quanto pare uomo fino al midollo.

Eppure il momento fatidico arriva. E arriva sempre.
“Ma io sono single per scelta. Sono troppo volubile per riuscire a gestire un rapporto serio e stabile. Non me la sento di legarmi.”

BOOOOOOOOOP!!! RISPOSTA ERRATA. Sì, di nuovo. D’altronde Aristotele e Seneca erano maschi.

Tu non sei uno spirito libero, selavggio, volubile, incapace di intrattenere una relazione seria.
Sei semplicemente un grande STRONZO!

Mi dilungo ancora, perché mi rendo conto di aver dimenticato una postilla fondamentale.
Non sono una bigotta che non concepisce l’idea che possano esistere relazioni “leggere” e senza impegno, quello che mi manda in bestia è la mancanza di onestà nelle persone (perché sì, dai, concediamoglielo, anche i maschi sono persone). Se sai a priori che non hai intenzione nemmeno di dare una possibilità a una persona di diventare significativa nella tua vita, dillo subito, così siamo tutti consapevoli e felici. Non perdere del tempo, ma soprattutto non farne perdere a me, sbrodolando cazzate su quanto io sia diversa dalle altre e robaccia simile, che tanto, se il gioco con te non vale la candela, prima o poi viene a galla.

[N.d.A.] Mr. Costume è qui taggato solo in quanto appartenente alla categoria maschile, non perché il post sia riferito a lui nello specifico.

Annunci
Categorie: Capita anche a me..., La Creatura Uomo, PseudoNormalità, Vita | Tag: , , , , , , , | 17 commenti

Navigazione articolo

17 pensieri su “L’Uomo è un animale (sociale?).

  1. Anche a me manda in bestia la mancanza di onestà. Più di ogni altra cosa.
    Massima stima per quei maschi che fin da subito dicono che non sono alla ricerca di un rapporto serio.
    Mica come quelli che invece trascinano la cosa alla lunga incapaci di decidere anche loro se vogliono un rapporto serio oppure no, se vogliono tagliare oppure no, e lasciano la scelta alla donna, incapaci di assumersi ogni responsabilità (velato riferimento al mio Ex vabbè XD).

    Mi piace

    • Muahahah!!! Adoro i riferimenti fintamente velati! Anche perché sono abbastanza convinta che noi donne siamo particolarmente abili nell’arte di farne.

      Già, l’onestà sarebbe cosa gradita. Poi per carità, io sono una convinta sostenitrice del “mai dire mai”, quindi credo che possa capitare di cambiare idea su una persona e su quel che si vuole da/con lei in itinere, ma le prese per il culo palesi ed eclatanti proprio non le tollero.

      Mi piace

  2. 🙂
    Spero che il sorriso di cui sopra non suoni offensivo, non voglio assolutamente tentare di difendere la categoria alla quale appartengo tantomeno iniziare a parlare delle mie disastrose (e terribili) dis-avventure amorose. Sorrido solo perchè sono a mia volta colpito da attacchi di misantropia e sono anche solito a clamorose sparate contro il genere umano e qualche volta anche -mi tocca ammetterlo- contro il genere femminile. Mi sembra di leggere me stesso allo specchio, quindi, se sommiamo le nostre esperienze si può concludere che il genere umano è altamente deludente sotto svariati punti di vista. Siamo in trappola! Forse è meglio buttarla sul ridere (per non piangere).

    Mi piace

    • Mi piace l’idea di essere il riflesso femminile di un essere maschile! ;D

      Nessuna offesa, anzi, permettimi di dire che il tuo commento mi ha strappato un sorriso, ricordandomi che, spesso, la masse omologate riescono ad avere almeno una funzione positiva: far apprezzare le eccezioni.

      In ogni caso, felicissima di vedere presente all’appello un rappresentante della categoria contestata. Ihihih! 😉

      Mi piace

      • Ah ah e nemmeno a me dispiace di essere il riflesso maschile di un essere femminile!

        Anche perchè, benchè finora sia andata decisamente male con l’altro sesso, mi riesce impossibile non trovarlo affascinante… non so, mi viene in mente Gustav Klimt che non riusciva a trovare un interesse estetico nella figura maschile ma solo in quella femminile giudicandola depositaria unica della bellezza, vedasi l’opera Adamo ed Eva dove il primo uomo sembra una figura assolutamente marginale, che si trova lì solo perchè la storia lo impone 😀

        Temo di non avere scampo!

        Mi piace

        • Ti dirò, io scrivo degli uomini solo quando sento la necessità di sdrammatizzare un qualche episodio, perché ormai di prendermela e rodermi il fegato ho smesso. Però c’è da dire che se non ci si trovasse in un qualche modo affascinanti a vicenda, nonostante l’assoluta e imperante incompatibilità mentale, la vita sarebbe decisamente più noiosa. Qualcuno direbbe più semplice, io ribadisco più noiosa.
          Il lato triste, anche se in certi casi direi provvidenziale ( ;P ), è che di sicuro esisterebbero molti meno blog…

          Mi piace

  3. Francesco Vitellini

    Trovo che il tuo post offra degli spunti interessanti e, a mio avviso, precisi e puntuali.
    Il comportamento che descrivi (le varie tecniche di circuizione concupiscente) è molto diffuso. Mi chiedo cosa faccia pensare al maschio in questione che esistano donne a questo mondo che possano “darla via” solo perché le riempie di complimenti, per poi svignarsela una volta vuotato il piatto. In fondo non esistono donne così stupide, no?
    La disonestà dei questo tipo di maschio è puramente funzionale all’accoppiamento e, quando si arriva ad intravedere un qualche tipo di legame, la reazione è, immancabilmente, quella della fuga, spesso effettuata con scuse deboli e patetiche come “non sono in grado di gestire un rapporto”.

    Nella mia esperienza questi maschi fanno il paio con le donne che vanno in giro a sbandierarla ai quattro venti come specchietto per le allodole, quasi la usassero come chiave per il cuore di un uomo. Purtroppo per loro non funziona così.

    Concludo dicendo che io SONO single per scelta, ma per scelta altrui, non certo mia 😉

    Mi piace

    • Innanzi tutto, benvenuto Francesco! 🙂

      Come avrai già letto, io li lascio fare, se poi nella loro testa sono convinti di meritarsi qualcosa in cambio è un problema loro.
      In passato mi è addirittura capitato di sentirmi in colpa per aver accettato cene, drink, regalini e chi più ne ha più ne metta, ma poi anche quel briciolo di coscienza mi ha abbandonata.

      Concedimi una riflessione cruda e magari anche volgare, ma spendere per spendere, se l’obiettivo è l’accoppiamento, a mio modesto parere ti conviene una prostituta (senza alcuna accezione negativa nell’uso del termine). In proporzione cena + drink + (cinema/discoteca/teatro/quello-che-ti-pare) + camera (perché se fai il figo con tutto il resto, poi non vorrai mica fare il pezzente che si imbosca in macchina), arrivano a costarti uno sproposito in più.

      Ora, magari sai già che non sarò la donna della tua né la madre dei tuoi figli, ma abbi almeno i coglioni di ammettere che anche a te non dispiace avere un parvenza si normalità affettiva.

      Ok, credo di aver finito di sproloquiare!
      Almeno per ora… 😛

      Mi spiace che anche la tua vita sentimentale sia vittima innocente dell’arbitrio altrui, però mi fa piacere aver trovato qualuno capace di un confronto stimolante.

      Spero di ritrovarti presto fra queste righe deliranti! 😉

      Mi piace

      • Francesco Vitellini

        Come disse qualcuno “Siamo nati per caos” 😉
        Quindi i deliri sono i benvenuti, sempre e comunque. Ti ringrazio sia per il benvenuto che per il “confronto stimolante”. Quest’ultima non è una cosa che sento spesso.
        In effetti se proprio devi pagare fai prima ad andare con un partner a pagamento (vale anche per i “toy boys”), anche se credo che molti uomini non ammetterebbero mai di essere stati con una prostituta. Secondo me varrebbe come dire “non posso avere una donna senza pagare”… il famigerato “orgoglio maschile”.
        Baggianate, dico io… se l’unica cosa che interessa è il godimento fisico tanto vale fare da sé, che costa ancora meno.
        Personalmente ho sempre preferito scambiare cultura ed intelligenza con una donna, piuttosto che fluidi corporei (anche se non disdegno affatto del buon sesso).
        Ti assicuro, infine, che la mia situazione sentimentale mi va più che bene, perché tra una balla e l’altra non avrei nemmeno il tempo di donare alla ipotetica partner le attenzioni giuste, per quanto possa voler donare AMMORE 🙂

        Mi piace

  4. D’istinto commenterei dicendo che la mancanza di onestà c’è, ovviamente, da entrambe le parti.
    Ma il tuo post mi ha fatto sorridere, quindi sorrido e non aggiungo altro visto che sono di parte… 😉
    All’onestà, questa sconosciuta. 🙂

    Mi piace

    • Innanzi tutto, benvenuto! 🙂
      Mi fa piacere l’idea di averti fatto sorridere!
      Come ho spiegato a un altro maschietto “recalcitrante”, questo post in realtà altro non era che il mio modo di esorcizzare la mia tenedenza a fidarmi di chi ancora non mi ha dimostrato che posso farlo. Spesso, purtroppo o per fortuna, ho questa cattiva abitudine: lascio che un solo gesto positivo cancelli tutto ciò che di male una persona mi ha fatto fino al momento in questione e mi rendo ancora più vulnerabile alle indelicatezze altrui, che quasi sempre arrivano, inevitabili.
      Non sono la paladina di una crociata contro gli uomini, anzi, semplicemente cercavo di auto-proibirmi di assegnare a un singolo episodio un valore eccessivo rispetto a quello che realmente meritava.

      Mi piace

      • Spiegazione ineccepibile, tra l’altro mi ritrovo in ciò che hai scritto… forse dovrei provare a fare qualche post del genere anche io. 😉
        Grazie per il benvenuto! 🙂

        Mi piace

        • Cimentarsi in stili e temi di scrittura diversi dai propri è sempre una buona cosa, al peggio diventa quanto meno un buon esercizio.

          Spero tu ti ritrovi in quel che ho scritto nel commento, e non nel post… Ihihih!!! 😉

          Mi piace

          • Mi riferivo al commento, in particolare al dare fiducia e alla cattiva abitudine di lasciar correre a fronte di singoli gesti positivi. 😉

            Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: