Per Tutti i Gusti.

NERABILE   –   IO?DRAMA

 

EL VALS DEL OBRERO   –   SKA-P

 

DU HAST   –   RAMMSTEIN

 

КОГДА НАЧНЁТСЯ НАСТОЯЩАЯ ЖИЗНЬ   –   РАПУНЦЕЛЬ

 

C’è chi, ottimista, ama chiamarlo eclettismo.
Io la faccio molto più semplice, e ammetto fiera la mia dissociazione!

Spero che la varietà musicale e linguistica riesca a strappare un sorriso domenicale a ognuno di voi, mentre io mi spupazzo la nipotina in visita!
Rilassatevi tutti e scrivete, scrivete, scrivete! Non c’è nulla di meglio per concludere la domenica che leggere come ve la passate voi compagne e compagni di blogo(dis)avventure! A stasera!

BUONA DOMENICA A TUTTI DA ZIA VERA!!!

 

PS. Attendo il manifestarsi della saccenza di nxero SU OGNI SINGOLO PEZZO! 😛

Annunci
Categorie: Arte Varia, Musica, PseudoNormalità | Tag: , , , , | 15 commenti

Navigazione articolo

15 pensieri su “Per Tutti i Gusti.

  1. …vedo che la sfida continua ahahah, un giorno finirò per confessarti che la mia non è ostentazione tout court bensì un bisogno (quasi) fisiologico, visto che la musica è la mia passione e che non posso vivere senza, quindi è fatale che, se apro un blog, la musica ne occupi una parte preponderante, soprattutto visto che da un po’ non ho più un posto dove poterne parlare altrove… ma questa è un’altra storia, che non ha nulla a che fare con il blog che deve vivere di vita propria.
    Ma veniamo a noi:

    – Il primo video mi coglie totalmente in fallo… di che cosa stiamo trattando?? Posso solo dire che hanno un bel seguito e una certa assonanza con il tuo nome d’arte mi pare di scorgerla in colui che postò i video su you tube! 😉

    – Gli Ska-P ah ah ah… simpatici, divertenti e, giustamente, contro quello scempio che è la corrida 🙂

    – Rammstein: qui se avessi voluto fare l’intellettuale avresti dovuto mettere il video omonimo, visto che è stato girato nientemeno che da David Lynch dopo che il brano è apparso nella colonna sonora di “Lost Highway” (perchè si sappia sono colto da infatuazione per Patricia Arquette!). Comunque notevole anche il loro brano più conosciuto “Du Hast” e le loro pirotecniche esibizioni dal vivo, nonchè le edizioni limitate dei loro lavori… un gruppo che senza dubbio cura ogni aspetto legato sia alla musica che all’immaginario cui sono legati!

    – Anche qui boh?!? Voglio dire: Amo la letteratura russa ma non sono mai arrivato al punto di leggerla in lingua originale 🙂 Comunque posso solo immaginare di cosa si tratta, di quale favola stiamo trattando, ma anche invidiare la chioma e la pronuncia alla protagonista ah ah ah.

    Quanto a saccenza, spero che la risposta non sia eccessiva (soprattutto sui Rammstein!), mi sembra che il risultato finale parli a tuo favore, quindi buona domenica e grazie di avermi citato: ho fatto quello che ho potuto 😉

    Mi piace

    • Ahimè, per un’incomprensione con youtube il primo video non corrispondeva alla canzone nel titolo, me ne sono accorta solo ora e ho provveduto.
      Loro sono un gruppo emergente della periferia milanese che ha avuto, e ha tuttora, un ruolo fondamentale nella mia vita, in particolare quella artistica. Dalla sovrapposizione fra la canzone postata (che ora è quella giusta) e la lettura di Isabella Santacroce, è nato il primo racconto che mi hanno pubblicato. So che per te sarà una bestemmia, ma uno dei tre tattoo che ho sulla schiena per me rappresenta la Musica, o forse sarebbe meglio dire il ruolo che la musica ha nella mia vita, e per questo sommo compito ho scelto il loro primo logo. Se clicchi sul mio contatto fb, potrai notare che il nome secondario è “VeraBile IoDrama”, e con questo ho detto proprio tutto! 🙂
      Ah, il video è mio! 😉

      Per quanto riguarda El Vals Del Obrero è una questione affettiva: tanti bei ricordi… E quanto è figo urlare a squarcia gola “¡RESISTENCIA!” con in circolo più alcol che sangue, in mezzo a una marea di persone che, come te, preferiscono la miseria economica accoppiata alla purezza dell’arte, invece del compromesso commerciale. Insomma, una massa di artisti squattrinati, ma con dignità. Tanta dignità!
      Di spagnolo non so una parola, a parte “resistencia” 😛 , ma del vivere contro corrente e dover lottare ogni giorno per sostenere le mie idee e le scelte ne so fin troppo.

      Passando ai Rammstein, in questo contesto volevano essere un gesto di fedeltà alla mia natura dark e metallara, anche se ammetto che oscillo a fasi alterne fra il metal pù violento e il gothic… In fondo, il musicologo rimani tu, io sono una scrittorA (mia personale autodefinizione) e il metal non esiste come genere letterario… Però potrei sempre provare a fondarlo! 😛

      Che dire di Rapunzel? E’ RAPUNZEL!!! E questo basta e avanza!
      La malsana passione per le canzoni dei cartoni animati è nata dal fatto che sono l’unica cosa con un doppiaggio in russo decente, ma in fondo chi di noi non ha mai cantato, anche in italiano, Hakuna Matata?! Ihihih!!!

      Come vedi, nessuno dei quattro video conteneva della conoscenza musicale. Vi ho semplicemente immersi nel mio lettore mp3 in riproduzione random, perché anche se una persona non sa nulla di musica, sapere cosa ascolta può far capire agli altri qualcosa di lei… 🙂

      Mi piace

      • Resistencia!!!

        Svelato l’arcano dunque! Non vedo comunque come un tatuaggio potrebbe essere una bestemmia… ha ha ha, quando ero a Copehagen volevo farmi tatuare un Mijolnir (il martello di Thor) su un polpaccio, quella sarebbe stata una bestemmia contro gli dei nordici, però per me significava l’appartenenza spirituale alla Scandinavia, il significato ha la sua importanza! Per fortuna il giorno dopo il tatuatore era chiuso 😀

        Bello comunque fare un giro in mezzo ai tuoi mp3, prima o poi magari mi riuscirà farti sbirciare sui miei vinili (ebbene adoro quei pezzi di plastica), non so cosa ne potrebbe saltare fuori!!! Comunque il metal come genere letterario sarebbe niente male… una bella impresa 🙂

        Mi piace

        • Credevo avresti considerato blasfemo il tatuarsi una band pressoché sconosciuta come simbolo della musica…

          Riguardo ai tatuaggi d’appartenenza geografica, ti dico solo che fra 10 giorni la Russia riceverà il mio contributo in pelle inchiostrata! ;D

          Mmm… Vinili, eh?! Allora o sei molto vecchio, o sei fissato dalla nascita… 😛
          Ma in fondo io sono uguale coi libri, quindi non mi permetto di giudicare. 🙂

          Mi piace

          • Mah, non ci vedo nulla di blasfemo, la cosa importante è quello che significano per te! Ci sono molti gruppi sconosciuti che però significano tantissimo per me… se dovessimo basarci sulla storia e sulla rilevanza, dovrei avere tatuata la faccia di Robert Johnson o, prima ancora di J.S. Bach… no non mi sembra il caso (sui Black Sabbath potrei farci un pensierino però!). Circa i vinili… mah, probabilmente la verità sta nel mezzo… quando ho iniziato seriamente a interessarmi di musica i vinili erano in pesantissimo declino e nel giro di un anno sarebbero praticamente spariti dalla circolazione, tuttavia oggi giorno sono in forte rinascita (infatti il 90% dei miei vinili sono dischi recenti!), praticamente il collezionismo discografico oggi si basa sui vinili, che acquistano valore con il tempo, mentre i CD decadono radicalmente e gli mp3 non sono affatto pervenuti… 🙂
            Circa i libri devo confessarmi: dopo aver riempito all’inverosimile la casa (non ho davvero più posto!) sono passato all’ e-book, purtroppo perché non eguaglieranno mai il fascino dei cartacei, ma tutto sommato qualche punto a loro favore ce l’hanno secondo me…

            Mi piace

            • BLASFEMO E SACRILEGO!!! >.<
              Non ti vergogni per aver ceduto al digitale?! Dovresti!
              Ma credo che potresti dire lo stesso di me, dato che io la musica la scarico… 😛

              Mi piace

              • Ah ah, me l’aspettavo 😀
                Però dalla mia ho la scusante (se vale) che, prima di piegarmi alla tecnologia, ho stipato casa all’inverosimile e comunque sia amo i libri cartacei, si è trattato di una mera necessità. Comunque tanto vale che io mi confessi: non è che il formato poi mi dispiaccia più di tanto, i libri costano meno (anche molto meno!), sono decisamente più portatili, è molto più facile leggere in lingua originale (inglese nel mio caso) coi dizionari integrati e credo che l’amazzonia (e anche amazon) ringrazino, oltre al fatto di poter scaricare ovunque e di poter ricercare stralci di libro con grande facilità… comunque non intendo sponsorizzare la cosa e, ti dirò, come con gli mp3, se un libro/disco poi mi piace sul serio finisco per prenderlo in cartaceo.
                Comunque sia libri, film, dischi ed arte in genere saranno sempre al centro dei miei interessi e delle mie spese… e finora credo di aver onorato appieno queste forme di espressione quindi no, non mi vergogno ah ah ah 😛

                Mi piace

                • Eccolo! Ma buongiorno! 🙂
                  Io ho ancora un po’ di spazio da invadere coi libri, anche se la cosa richiederà dell’ingegno…
                  In effetti anch’io ho due o tre “must” musicali di cui compro tutti i cd originali.
                  Tornando ai libri, l’unica scusante che ti passo per buona è il rispetto per l’Amazzonia! 😉
                  Anch’io mi spendo tutto in arte: un vero disastro se si considera che in Italia l’arte ha promozione a zero e costi a mille… -.-“

                  Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: