Flusso di Coscienza. #2

GIORNI A PERDERE – SUBSONICA

 

 

Mi sveglio in anticipo. Mi sono dimenticata di nuovo che per andare a lezione prendo il treno dopo.

Mi concedo un quarto d’ora di “fissaggio nel vuoto a vuoto”. Niente. Stavolta sembra non funzionare. Di solito quando smetto ho la sensazione di svegliarmi sul serio, ma oggi non fa effetto.

Non ci siamo. Il Signor Cervello è già riuscito a irritarmi, dandomi il buongiorno con pensieri che sarebbero poco graditi a priori, figuriamoci appena sveglia.

D’improvviso una consapevolezza fulminante.
Ho ritrovato la strada. Mi sono ritrovata.
Non è vero che non ho voglia di uscire: è che piuttosto che fare torto ad alcune persone, preferisco farlo a tutti.
Sono di nuovo io, e mi chiedo come riuscirò a spiegare questa cosa a chi ha conosciuto la me-sostituta e ci si è affezionato.
Ci penserò…

Sono tornata , B., sei contenta?
Non ero sicura che mi avresti aspettata anche questa volta, invece quando il lampo della presa di coscienza ha illuminato tutto per un istante, ti ho vista.
A quanto pare sei cresciuta anche tu…
Chissà se anche tu porti addosso il fetore di nuove delusioni, se anche i tuoi occhi sono stati feriti da nuove dolorose evidenze, se anche la tua pelle è solcata da nuove, brucianti cicatrici.
L’istinto mi urla fra le tempie che qualcosa è cambiato, ma ancora non riesco a mettere a fuoco cosa sia.
Unghie disperate graffiano nervi tesi per attirarne l’attenzione, mentre gole recise tentano di suggerire soluzioni fra un rantolo e una risacca scarlatta.

Non posso garantirti che sia stata l’ultima volta che smarrivo la rotta, ma il mio essere qui ora è la prova che TU sei la mia strada, e che non importa quanto sia ogni volta più estenuante, il ritrovarti è la mia meta.

Annunci
Categorie: Abisso, Arte Varia, B., Musica, PseudoNormalità, Scrittura, Sproloqui d'Inchiostro | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Flusso di Coscienza. #2

  1. Come faccio a non chiederti chi è B.?

    Mi piace

    • B. è la persona a cui devo l’ispirazione dei miei racconti pubblicati.
      Una ragazza problematica, un’anima ferita e sperduta, una visionaria ermetica.
      Schiacciata al suolo dal suo dolore, ma capace di volare grazie alle ali invisibili del suo amore viscerale e incondizionato per la scrittura.
      Le devo molto. Forse tutto…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: