VeRA #2 e l’AnarcoSocio

 

Come promesso, ora vi spiego…
Sotto il titolo VeRA troverete buona parte dei racconti sulla vacanza in Russia, o almeno tutti quelli a cui non mi sbatterò a trovare un titolo specifico per pura pigrizia. Tiè!
Con mia immensa gioia, già la seconda mattina sono stata scambiata per russa, accento incluso. Immaginate il picco di esaltazione mitomane… XD
Nasce così l’acronimo VeRA, che sta per Vera: Russa nell’Anima!!!

Data la dovuta spiegazione, posso proseguire.
Il video sopra è tratto da uno dei CD che mi sono portata a casa. Da zia devota, non potrei permettere all’AnarcoNipotina di crescere senza risentire nemmeno un pochino della russofilia imperante della sottoscritta, e quale modo migliore delle canzoncine, dato che la Piccinina mostra già un certo amore per la musica?!

Venendo al dunque, di domande sulla trasferta russa ne ho ricevute davvero tante, ma una mi ha colpita più di tutte: “E dimmi, l’AnarcoSocio com’è come compagno di viaggio?”.
In tutta onestà? Un vero gentleman!!!
Gambe in sciopero, valigia pesante, gradini ostici, attese varie, incapacità di comunicare civilmente con una cartina… Questi sono solo alcuni degli ostacoli che, da sola, mi sarebbero sembrati insormontabili e mi avrebbero gettata nella depressione più nera, rovinandomi la vacanza. Invece con l’AnarcoSocio tutto è diventato gestibile, a volte magari difficile, ma fattibile.

Questa domanda mi ha fatto riflettere sull’importanza dei compagni di viaggio.
Quando si parte per un paese diverso dal proprio ci si preoccupa sempre delle solite cose: il cambio, il cibo, le abitudini, le regole, i punti di riferimento in caso di necessità, il clima e via dicendo.
Nessuno si sofferma a priori a riflettere sulle persone con cui si affronta l’esperienza. In fondo, a meno che non si tratti di compagnie vacanziere ormai consolidate, è un fattore fondamentale per il buon esito di un viaggio.
Ricordo che il mio primo viaggio all’estero da sola, una vacanza-studio in Inghilterra, fu devastata dalla follia assoluta della compagna di stanza che mi era stata assegnata per le prime due settimane. La pazza furiosa in questione aveva smesso di mangiare e iniziato a piangere per la nostalgia di casa al suo terzo giorno. Io invece escogitavo metodi per convincere gli AnarcoGenitori a mandarmi dei soldi extra e posticiparmi il volo del rientro, fate un po’ voi. Per fortuna lei è ripartita una settimana prima di me: una vera liberazione!

Insomma, per tornare alla domanda, la presenza dell’AnarcoSocio è stata determinante nel rendere questa vacanza indimenticabile, quindi ne approfitto anche qui per dirgli ancora una volta: СПАСИБО!!!

Annunci
Categorie: AnarcoFamily, Blog, Capita anche a me..., PseudoNormalità, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , | 10 commenti

Navigazione articolo

10 pensieri su “VeRA #2 e l’AnarcoSocio

  1. Buon per te cara. Anche se non ci frequentiamo così spesso come una volta (per una pura casualità), conservo di te un bellissimo ricordo. Ti auguro tutta la felicità e la fortuna di questo mondo. La meriti tutta!
    Tommaso

    Mi piace

    • Caro Tommaso, quanto tempo!
      Purtroppo ho avuto un periodo piuttosto indaffarato, in più la blogosfera è talmente vasta che a volte rischia di risultare dispersiva e riuscire a mantenere con costanza i rapporti con tutti diventa complicato, ma mi fa davvero piacere risentirti! 🙂
      Spero tu stia bene e che tutto ti stia andando per il meglio!

      Mi piace

  2. Dici che è russo?
    Mah…perchè è come turco…. 😦

    Complimenti all’AnarcoSocio che ti ha fatto da guida e compagnia 🙂
    quindi si potrebbe ripartire! 🙂

    a presto
    .marta

    Mi piace

    • Certo che si potrebbe ripartire!!!
      Non fosse che prima devo racimolare di nuovo un po’ di soldi…

      Ti assicuro che è russo, ma da quel che so, anche il turco usa il cirillico, quindi può darsi che le due lingue abbiano qualcosa in comune…

      Buona serata! 🙂

      Mi piace

  3. bello! io in realtà prima di vedere clima e tutto il resto, mi scelgo il compagno di viaggio, altrimenti non ci si gode la vacanza! comunque che io sappia il turco (di turchia) non usa il cirillico, ma una variante dell’alfabeto latino… anche se wikipedia dice che ci sono “lingue turche” e alcune usano il cirillico, come l’azero (che poi manco confina con la turchia, ma tant’è…)
    matrioske ne hai prese?

    Mi piace

    • Innanzi tutto grazie del chiarimento linguistico. Io al di fuori delle lingue slave ho le idee un po’ confuse… 😛

      No, matrjoske no.
      Ormai sono troppo inflazionate e poi sono ovunque: è quasi impossibile, da profani, riuscire a valutare quali valgano veramente i prezzi richiesti.
      In ogni caso c’è sempre tempo, dato che abbiamo deciso di tornarci… 😉

      Mi piace

      • ahahah figurati! a volte sono un’odiosa so tutto io (citazione colta, almeno per me XD) io delle lingue slave invece non so una mazza 😀
        che bello, già organizzi il ritorno! to russia with love direi!

        Mi piace

        • Ah sì, l’organizzazione del ritorno in Russia è iniziata ancora prima del rientro in Italia! ;D

          Non preoccuparti di essere odiosa, da editor/correttrice-di-bozze/traduttrice/linguista/aspirante-scrittrice capisco bene e, all’occorrenza, so essere parecchio fastidiosetta anch’io… Ihihih!!! 😛

          Mi piace

  4. Bestemmione finale, mi sto sbellicando!!!!!!!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: