Archivi del mese: gennaio 2015

Idea Delusa.

idea-delusa

 

Riemersa a fatica dai deliri della febbre a 39,9°, ma ancora in preda agli strascichi di una massiccia assunzione di antibiotici per via intramuscolare, questa mattina mi alzo e decido di approfittare della convalescenza per provare a mettere in fila un paio di frasi di senso compiuto.
Accendo il computer e… SBAM!!! Sbatto la testa contro l’ennesimo aggiornamento di WordPress.
La mia domanda, semplice e forse ingenua, è una sola: perché?
Perché questa pruriginosa necessità di stravolgere tutto una volta al mese?
Sarà che io non sono più costante come una volta, o forse il punto è che spesso approfitto delle infinite ore trascorse in treno, utilizzando quindi l’app per gestire il blog, ma inizia a sorgermi il dubbio che WordPress, ritrovatosi sovraccarico, stia mirando all’eliminazione dei blogger meno tenaci attraverso la sottile strategia dello sfinimento psicologico.
Apri il sito, tutta presa dall’entusiasmo di un’idea che ti frulla in testa e che non vedi l’ora di scrivere, e ti ritrovi a perdere il filo dopo soli pochi minuti, costretta a concentrarti per capire come diavolo funzioni la nuova versione dell’editor, mentre le tua brillantissima idea se ne va, delusa per essere stata messa in secondo piano, e ben decisa a non tornare mai più.

Essere di nuovo malata è abbastanza frustrante. Dal 30 dicembre a oggi, quindi meno di un mese, ho calcolato di aver avuto la febbre per un totale di ben 21 giorni: non male! Quel che è ancora più frustrante, però, è l’essere in uno stato tanto pietoso da non riuscire nemmeno a leggere. L’unica cosa che sono stata in grado di fare per circa una settimana è stata vegetare sul divano, mangiando a stento e faticando a dormire.
Ogni volta che mi capita mi impunto dicendomi che, nel male, almeno posso approfittare del tempo a mia disposizione per dedicarmi alle cose che mi piacciono, ma ogni volta finisco per stare troppo male per riuscirci ed è questo, in realtà, a demoralizzarmi più di ogni altra cosa: il senso di assoluto annientamento.

Nei momenti “buoni”, però, ricomincio a fare programmi e, man mano che le forze e la lucidità tornano, mi rimetto all’opera, facendo del mio meglio per approfittare almeno della fase di recupero finale della convalescenza, stando sempre molto attenta a non affaticarmi troppo, così da evitare ricadute.
È un equilibrio delicato, difficile da mantenere, ma indispensabile per sopravvivere.
Ecco allora che, ancora troppo debole per stare ore in piedi a impastare dolci o rimestare padelle, per oggi ho scelto un po’ di sana lettura e un timido tentativo di scrittura.

Domani, stando alla tabella di marcia, dovrei fare una rapida tappa in posta per il ritiro e la firma di alcuni documenti. Chissà come sarà rimettere il naso ancora tutto arrossato fuori dalla porta dopo più di dieci giorni: una sana boccata d’aria, per quanto gelida, o lo spunto perfetto per l’ennesimo picco di febbre?
Vedremo…

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Blog, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 9 commenti

E alla fine… BUON 2015!

vecchio-capodanno-старый-новый-год

 

Col debito ritardo, ma ci sono arrivata anch’io.
Da brava russofila sfegatata, ho deciso di iniziare oggi il mio 2015, data del Vecchio Capodanno Ortodosso.
Sarò venale ma… quale modo migliore di iniziare un nuovo anno di un’influenza che sembra essersi decisa a lasciarmi in pace e circa 100 € in più in busta paga causa conguaglio?
Io persevero nella mia bizzarra convinzione e sostengo con fermezza che la Grande Madre Russia abbia interceduto per me per l’ennesima volta.

Ci piace pensare che se ci va buca in un qualche ambito della vita, per compensazione in un altro dovrà andare alla grande, ma non funziona proprio così. Continuando sulla scia dei luoghi comuni, mi riesce più facile pensare che “le disgrazie non vengono mai sole” e che, come sostiene Murphy, se qualcosa può andar male lo farà.
Ecco perché l’accumulo di tredicesima, regali di Natale e conguaglio sono una piccola boccata d’aria in un periodo in cui ho lo sconforto facile.

Ora devo solo concentrarmi e fare bene i miei conti, per decidere se e quanto posso permettermi in piccoli sfizi, che non risolvono i problemi, ma magari ti regalano qualche momento di serenità e di svago, in cui riesci a non pensarci.

È con questa speranza di un pizzico di spensieratezza in più che, alla fine, anch’io voglio augurare a tutte e tutti…

 

BUON 2015!!!
С новым годом 2015*!!!

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

*S nóvym gódam 2015!!!

Categorie: Blog, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Con i Suoi Occhi.

occhi-глаза

 

Questo nuovo episodio di riposo forzato, durante il quale la testa faceva troppo male perfino per leggere e scrivere, di studiare neanche a parlarne, mi ha lasciato due sole attività alternative: dormire o pensare.

La seconda mi ha dato tempo e modo di rendermi conto di una cosa, per me abbastanza devastante: non sono più capace di raccontare e, ancor peggio, non sono più capace di raccontarmi.

Quando mi capita di rileggermi, risulto banale, scontata e “vuota” ai miei stessi occhi.
Ripenso a quando non avevo bisogno di mille revisioni o di dedicare interi minuti alla scelta di un vocabolo, perché le parole uscivano da sole, spesso tanto impetuose da rendermi difficoltoso stare al loro passo con le dita.
Ora continuano a passarmi per la testa mille spunti, più o meno interessanti, ma fanno tutti la stessa fine: un misero naufragio nel nulla dopo al massimo un paio di paragrafi.
La nostalgia di quella che amavo definire “la mia logorrea scrittoria” è una lama affilata che colpisce a tradimento, affondando, inarrestabile, nello stomaco contratto.
Rivedo il mio nome, stampato nero su bianco sulle antologie in cui sono stata pubblicata, e stento a credere che quelle parole siano davvero farina di un mio sacco, per quanto vecchio e ormai vuoto da tempo. Ancora una volta mi trovo alla deriva nell’immensa mancanza della vecchia me stessa, quella che nelle parole aveva sempre trovato un rifugio, una realtà parallela serena e rassicurante, non la gabbia di emozioni inespresse e sentimenti pietrificati che mi rinchiude ora.

Ho bisogno di ritrovare l’armonia con le parole, perché solo loro sono sempre state la strada capace di guidarmi alla me stessa più autentica.
Il punto è che quando a tradirti è il tuo stesso corpo, non esistono parole “giuste” per parlarne.
Mi guardo dentro, d’improvviso incapace di comprendere quel che vedo, e prima ancora di provare a cercare le parole, realizzo che qualunque cosa di cui io abbia scritto fino a questo momento, non era altro che una sorta di specchio: ero io.
Ora però non lo so più chi sono. Da un momento all’altro mi sono trasformata nella più grande nemica di me stessa, vittima e carnefice allo stesso tempo.
Ho la sensazione di riuscire a vedere la realtà solo attraverso gli occhi dell’AnarcoPatia, invece che attraverso i miei, e la cosa che mi disturba più di tutte è che quegli occhi sono gli stessi.

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Capita anche a me..., Che Schifo!, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Non Ero Pronta…

2015

 

Temo di non poter più negare l’evidenza: il 2015 è iniziato.

Il punto è che l’ho iniziato nello stesso identico modo in cui ho finito il 2014: a letto con raffreddore, febbre e mal d’orecchie.

Ebbene sì, mi sono giocata metà delle feste, e delle meritate ferie, sotto uno strato spropositato di coperte, in uno stato di salute ben peggiore di quello in cui verso ora del venerdì sera nei periodi lavorativi.
Lascio alla fantasia di ognuno di voi il repertorio di coloritissime espressioni che hanno attraversato la mia mente negli ultimi cinque giorni.
Detto questo, come accennavo, il 2015 ha deciso di arrivare nonostante non fossi nelle condizioni adatte per accoglierlo come si deve.
Io e l’AnarcoSocio avevamo programmato di fare cose, visitare posti, vedere persone, e invece, causa logistica avversa, abbiamo finito col passare il Capodanno ognuno per i fatti suoi. Che allegria, eh?!
Il “simpatico” imprevisto ha comportato anche il dover delegare il saldo di pagamenti in sospeso, il rinnovo di abbonamenti vari e una serie di mancati acquisti: tutte cose che io mal tollero di dover affidare ad altri.

Con la testa semiparalizzata da dolore e congestione all’ennesima potenza e, di conseguenza, quasi del tutto priva di buona parte delle mie percezioni sensoriali e delle mie già scarse facoltà di concentrazione, ho dovuto rinunciare anche a parte delle letture e a quasi tutto il piano di studio che mi ero preparata con cura per queste vacanze: altra cosa che ha visto fiorire, fra i miei deboli pensieri, improperi come fossero fiorellini di campo a primavera.

Per tutto ciò, porgo i miei più sentiti ringraziamenti all’AnarcoPatia e al relativo cancan farmacologico che si porta dietro che, invidiosi dei super poteri del mio sistema immunitario, si sono alleati per annientarlo, facendo sì che la più banale delle influenze di stagione per me si trasformi ogni volta in un’avventura epica, irta di tranelli, ostacoli e delle più svariate avversità.

Cosa augurarmi, dunque, per questo nuovo anno??!
Semplice! Che il detto secondo cui “quel che si fa a Capodanno è quel che si farà tutto l’anno” sia la più grande delle ca**ate mai pronunciate dal genere umano.

 

Buon 2015 a tutte e tutti!!!
Всем с новым 2015 годом*!!!

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

*Vsjém s nóvym 2015 gódam!!!

Categorie: Blog, Capita anche a me..., Che Schifo!, Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: