Un lunedì mattina… bollente!

arnold-coffee-caffè-americano

Image Credit © VeRA Marte

 

La mia settimana è iniziata così, e credo che questo la dica lunga sullo stato in cui potrei versare ora di venerdì…

Non ricordo nemmeno più l’ultima volta che mi sono “ubriacata” di caffè americano, ma credo si possa parlare in termini di anni.
La speranza era che il beverone mi aiutasse a carburare, ma non è stato così.
Rimbambita per essere stata costretta a prendere il treno prima, ho pensato bene di completare l’opera dandomi a commissioni varie e finendo per tornare col treno dopo.

Lo so, lo so, si tratta di una sola ora aggiunta alla mia giornata milanese, ma di lunedì, col torpore del fine settimana ancora addosso, ogni singolo minuto in più può essere davvero traumatico, figuriamoci un’ora.

Mi spiego meglio…
Come accennavo, stamattina la logistica famigliare mi ha imposto il treno prima, così ho pensato di approfittare del motruoso anticipo per passare da Arnold Coffee a fare rifornimento di caffè americano, nella ferma convinzione che fosse l’unico modo per sopravvivere al lunedì mattina.
Entro. Quasi non ci credo quando mi accorgo che la cassa è già libera.
Mentre il mio cervello fatica a mettersi d’accordo con se stesso su una questione di importanza vitale, “medio o grande?”, una cassiera tanto arzilla da sembrare fatta di anfetamina mi accoglie, con uno squillantissimo e rumorosissimo “Buongiorno!”.

 

Con le monetine già in mano, mi concentro per scandire bene: «Buongiorno a te! Vorrei un caffè americano grande da portar via, grazie.».

Prima domanda a tradimento: «Caldo?».

Io: *Rispondi, puoi farcela!*
«Ehm… Sì, caldo, grazie…»

Lei: «Se vuoi, con la bevanda grande, puoi avere anche la mug di Arnold a 4 euro…»

Io: *La cosa??? Mi guardo intorno smarrita, seguendo la direzione verso cui ha fatto un cenno col il mento.*
«Ah, la mug… Ehm… Non saprei… Più che altro non ho dove metterla e avrei paura di romperla… Va beh, dài, la prendo! Per il trasporto m’inventerò qualcosa…»

Lei: *Mi fa lo scontrino, prende i soldi e mi saluta mettendomi in una mano un saccheto che, di mug, avrebbe potuto contenerne almeno 10, e nell’altra un bicchierone da mezzo litro di caffè americano a temperatura lava vulcanica.*

 

Insomma, alla fine ho raggiunto il mio scopo: svegliarmi!
Peccato che io contassi sulla caffeina, non su un’ustione di terzo grado al palmo di una mano…

Il lato positivo di questo allegro siparietto mattutino è che ora ho una fantastica tazzona, la mitologica mug per l’appunto, con il bellissimo logo di Arnold Coffee.

Che altro dire? L’ennesimo lunedì è andato, speriamo che il prossimo sia un po’ meno… “scottante”!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Blog, Capita anche a me..., PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Strano Pianeta, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Navigazione articolo

6 pensieri su “Un lunedì mattina… bollente!

  1. Sì ma….che è la Mug (che non conosce nemmeno il t9 che continua a trasformarla in Mugello) non ce l’hai detto!

    Piace a 1 persona

    • A dire il vero l’ho scritto, ma ora mi hai fatto venire il sospetto di non essere stata molto chiara, quindi provvederò a una piccola modifica in onor di comprensibilità: grazie di avermelo fatto notare! 😉

      Comunque, la mug, che da quanto ho appreso si legge “mag”, altro non è che la tazzona.
      Una tazza vera! Non quelle robacce di simil cartoncino termico per alimenti.
      Per me, che sono un’amante di tè, infusi e tisane varie, è stato un acquistone! 😛

      Mi piace

      • Eh sì che l’avevi scritto, ma io chissà perché mi ero fissato che doveva essere una specie di brioche americana o comunque qualcosa di commestibile!

        Piace a 1 persona

        • Ecco! Mi hai colta con le mani nel sacco!

          Quando l’iperattiva cassiera me l’ha proposta, cogliendomi di sorpresa nel mio dormiveglia, ho pensato esattamente la stessa cosa!
          Se non avesse indicato quelle esposte, non avrei mai capito di cosa mi stesse parlando… 😛

          Mi piace

  2. E’ bellissima…. (anche se, a dir la verità non sapevo nulla di Mug-Mag_e marca di caffè)

    comunque sia l’importante è aver raggiunto lo scopo: svegliarsi e rompere il silenzio con l’urlo della scottatura! 😀

    Piace a 1 persona

    • Ihihih!!! 😀
      Ammetto che proprio non l’avevo pensata da questo punto di vista…

      Per quanto ne so, Arnold Coffee si trova solo a Milano e Firenze. Io l’ho scoperto per caso, ma mi è piaciuto subito!
      Ci vado sempre quando c’è sciopero dei treni: con un bicchierone di caffè americano, carta e penna, le ore di attesa volano! 😉

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: