Boh… Blogger

blog-блог

 

Viviamo un momento costellato di blogger: Fashion Blogger, Food Blogger, Travel Blogger e via di seguito, ma chi era un semplice blogger prima che la blogosfera finisse sotto le luci della ribalta, che tipo di blogger è?
Come dovrebbe definirsi chi, come me, ha iniziato a scrivere il proprio blog così tanto tempo fa da averlo “inaugurato” su piattaforme che si sono estinte ormai da anni? Bei tempi in cui ancora i blogger non millantavano super competenze in un qualche campo, ma si limitavano a trasporre nella più tecnologica versione in pixel il caro, vecchio diario personale.

Ho iniziato a scrivere quando avevo nove, dieci anni. Riempivo pagine e pagine di parole, in tutte le forme possibili e immaginabili: racconti, diario, poesie. Rivedevo, rifinivo, perfezionavo fino allo sfinimento, per poi copiare tutto con cura nei quaderni “in bella”.
Più o meno intorno ai quindici, sedici anni la scoperta dell’esistenza della blogosfera e il mio ingresso, da principio forse un po’ timoroso, in questo affascinante e poliedrico universo. Ricordo ancora con un sorriso le espressioni perplesse alla frase “Scrivo su un blog…”, quando ancora quasi nessuno sapeva cosa diavolo fosse un blog, e l’orgoglio di essere in qualche modo innovativa e fuori dal coro. L’esordio su una piattaforma che, finché è durata, mi ha dato modo di dilettarmi acnhe con le mie dubbie capacità grafiche e di imparare le basi dei codici html, perché la personalizzazione del proprio blog era questione di buona volontà: non c’erano i moderni e intuitivi strumenti di oggi, se volevi emergere dalla massa dovevi sbatterti e imparare ad arrangiarti.

Gli anni sono passati e, giunta alla veranda età di 32 anni, mi sento sempre più disorientata di fronte alla super tecnologica schermata bianca di WordPress.
Il sovraffollamento di blogger iper-competenti, ultra-specializzati, pluri-“followati” mi fa sentire piccola piccola e piuttosto insignificante.
Innanzi tutto, d’improvviso sembrano essere diventati tutti grandi scrittori, cosa che, ahimè, proprio non è. In contraddizione con questo, però, si staglia l’innegabile evidenza che a contare sia sempre più la mole di contenuti prodotti e non la loro reale qualità.
Se si vuole “diventare qualcuno” , essere fedeli al tema del proprio blog è un imperativo inoppugnabile, ma io, creatura ormai vetusta, trovo che questo altro non sia che un meschino ingabbiare il pensiero. La mente umana, così come la meravigliosa vastità del lessico, non sono fatte per rimanere rinchiuse in compartimenti stagni. Così non si fa altro che spacciare per prolifica creatività un costante e svilente riproporre la stessa pietanza in tutte le salse possibili e immaginabili.

Ogni giorno che passa è più palese che io appartenga all’epoca in cui i blog erano luoghi di riflessione e di profonda introspezione, mentre oggi, per buona parte, sono diventati strumenti lavorativi e/o pubblicitari.
Più volte ho pensato che avrei potuto approfittare della mia esperienza per auto-promuovermi o per sostenere e far conoscere le attività a cui vorrei dedicarmi dal punto di vista lavorativo, ma non ci sono mai riuscita.
Credo sia un po’ come quando vado in vacanza. Potrei fare qualche bella fotografia, scegliere con calma l’inquadratura migliore, modificarla con una qalche applicazione e inviarla alle persone più care, parenti e amici, ma non ce la faccio: alla fine preferisco sempre affidarmi alle care vecchie cartoline postali.

Questa nuova percezione del blog mi mette una gran tristezza, destabilizza il mio concetto originario di scrittura e, sempre più spesso, mi lascia disorientata riguardo al come continuare a rapportarmici.

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Blog, Capita anche a me..., Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Scrittura, Strano Pianeta, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

Navigazione articolo

7 pensieri su “Boh… Blogger

  1. Io sono una “nuovissima blogger” . Alla mia veneranda età ( poco più di 40) mi sono decisa a cedere alle pressioni di un’amica blogger dai tempi di Splinder e… eccomi in WP. Come te ho sempre scritto, carta e penna si intende… da quando ero ragazzina. E cosa dire? A volte trovo dei blog poco seri. Premetto che ognuno ha i suoi gusti e, di conseguenza, non amo particolarmente i post esclusivamente composti da “sfoghi personali”. Preferisco luoghi creativi, storie inventate. Noto che i profili di blogger che si mettono in gioco raccontando parte della loro vita hanno forse più successo ma io non scendo a compromessi, me ne infischio e continuo a fare ciò per cui sono portata. Mi sarebbe però piaciuto esser stata tra i primi, proprio come te Alessandra, la mia amica di cui ti parlavo prima ma ho dovuto “tirar su” il mio ragazzo, che ora ha 11 anni e, nonostante abbia tutt’ora bisogno di me e, con un lavoro full time è la mia occupazione primaria, diciamo che avanzo solo da un annetto un po’ di tempo per me, per poter tenere questo benedetto blog che peraltro mi sta donando anche delle belle soddisfazioni. Ciao!

    In bocca al lupo!

    Mi piace

    • Innanzi tutto, benvenuta nella cosiddetta “blogosfera”! 🙂

      Anch’io sono una veterana dell’epoca di Splinder, proprio come la tua amica, e non posso negare che anche a me sia capitato di approfittare del blog per degli sfoghi personali, ma di sicuro non lo riempio solo con quelli.
      Non mi piace l’idea di classificarmi in una qualche categoria rigida, quindi ancora adesso scrivo un po’ di tutto, seguendo le mie passioni e le riflessioni che mi passano per la testa di fronte a qualunque spunto la vita mi presenti.
      Riguardo la scrittura vera e propria, non pubblico quasi più nulla sul blog, perché un domani la cosa potrebbe creare conflitti di copyright.

      Immagino che lavorare full time e crescere un figlio non lasci moltissimo tempo da dedicare al blog, ma il fatto che tu ci riesca lo stesso dimostra la tua determinazione nella volontà di ritagliarti uno spazio tutto tuo.

      Grazie di essere passata, e in bocca al lupo anche a te per questa tua nuova avventura! 😉

      Piace a 1 persona

  2. lois

    Nel bene e nel male, il mondo dei blog è cambiato e come dici tu, sicuramente si è mutato in un mondo anche pubblicitario.
    Poi ci sono molte autocelebrazioni, ma per fortuna (come accade per il telecomando della tv) ciascuno può scegliere cose seguire cosa leggere.
    Purtroppo sono cambiamenti che non si possono interrompere. E rappresentano il cambio dei tempi.
    Leggevo che anche Vogue, rispetto alle sfilate di moda sta perdendo terreno sotto ai piedi perchè si da maggiore risalto alle starlette blogger di moda e di fashion (questo la dice lunga sulla deriva del mondo della comunicazione).

    Piace a 1 persona

    • Caspita, stanno addirittura spodestando Vogue??!
      Allora io e il mio blog-tradizionalismo siamo proprio fritti! Ihihih!!!
      È che proprio questa cosa della quantità di contenuto premiata a spese della qualità mi intristisce, ma forse in questa fastidiosa e spiacevole sensazione c’è anche lo zampino della mia formazione umanistica e filologica, che mi ha portata ad apprezzare l’infinita bellezza della lingua, almeno quando ben messa a frutto.
      Non so, come dicevo il paradosso di pagine sempre più piene di assoluto vuoto mi disorienta.

      Mi piace

  3. Sono contenta che c’è qualcun altro che si sente esattamente come me. :-*

    Piace a 1 persona

    • Sai, forse la confusione che questa situazione ha creato nelle teste di noi blogger “vecchio stile” ha fatto sì che ci sentissimo tutti più o meno nello stesso modo, ma che quasi nessuno di noi si azzardasse a perseverare nell’uso obsoleto del blog lamentandosene.
      Beh, io dopo averci pensato su per un bel po’, l’ho fatto, perché, alla fin fine, il blog è mio e scegliere come gestirlo e cosa scriverci spetta soltanto a me.

      Benvenuta e buona serata! 🙂

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: