Archivi del mese: giugno 2017

Vasilisa la Bella

vasilisa-bella-Василиса-Прекрасная

 

In un reame, c’era una volta un mercante. In dodici anni di matrimonio, aveva avuto solamente una figlia, Vasilisa la Bella. Quando la madre morì, la bambina aveva otto anni. In punto di morte, la donna chiamò a sé la figlia, tirò fuori da sotto la coperta una bambola, gliela diede e disse: «Ascolta, mia piccola Vasilisa! Ricorda e segui le mie ultime parole. Io sto per morire e insieme alla benedizione materna ti lascio questa bambola; tienila sempre con te e non la mostrare a nessuno; se ti dovesse succedere qualche disgrazia, dalle da mangiare e chiedile consiglio. Una volta rifocillata, ti dirà come rimediare alla sventura». Dopodiché la madre baciò la figlioletta e morì.
Dopo la morte della moglie, il mercante portò il lutto quanto si conveniva, ma poi iniziò a pensare di risposarsi. Era una brava persona; i partiti non mancavano, ma una vedovella gli piacque più delle altre. Non era più giovanissima, aveva anche due figlie, più o meno della stessa età di Vasilisa: doveva dunque essere una donna di casa e una madre esperta. Il mercante sposò la vedovella, ma aveva fatto un errore: non aveva trovato in lei una buona madre per la sua Vasilisa. Vasilisa era la più bella ragazzina del villaggio; la matrigna e le sorellastre erano gelose della sua bellezza, la tormentavano con tutti i lavori possibili e immaginabili, perché si sciupasse a forza di faticare e le diventasse la pelle scura per il sole e per il vento; non era certo vita la sua!
Vasilisa sopportava tutto senza protestare e di giorno in giorno diventava più bella e più fiorente, mentre la matrigna e le sue figlie si rinsecchivano e si imbruttivano per la cattiveria, nonostante stesserosempre sedute e con le mani in mano, come delle signore. Com’era possibile tutto questo? Vasilisa era aiutata dalla sua bambola. Altrimenti, come se la sarebbe cavata la bambina con tutto quel lavoro? Per questo, Vasilisa, a volte, non finiva di mangiare e lasciava il boccone più prelibato alla bambolina, e di sera, quando tutti si mettevano a letto, si chiudeva nello sgabuzzino dove viveva e le dava da mangiare, dicendo: «Tieni, bambolina, mangia, mio bene, ascolta il racconto delle mie pene! Abito in casa di papà, ma non vedo per me felicità; la matrigna cattiva mi perseguita fin dall’alba. Insegnami come agire, come a vivere riuscire». La bambolina si rifocillava, e poi le dava dei consigli, la riconfortava, e il mattino dopo sbrigava tutte le faccende al posto di Vasilisa; lei, intanto, si riposava al freschetto, raccoglieva un bel mazzetto, mentre l’orto era curato, e il cavolo innaffiato, e l’acqua portata, e la stufa accesa. La bambolina mostrò perfino a Vasilisa un’erba per proteggere la pelle dal sole. Bella la vita con la bambolina.
Passarono alcuni anni; Vasilisa crenne e divenne una ragazza da marito. Tutti i ragazzi in città chiedono la mano di Vasilisa; alle figlie della matrigna nessuno dà nemeno un’occhiata. La matrigna si incattivisce più di prima e risponde a tutti i pretendenti: «Non farò sposare la minore prima delle altre due!», e quando i ragazzi se ne vanno, sfoga la sua collera su Vasilisa picchiandola.
Un giorno, il mercante fu costretto a partire per un lungo viaggio d’affari. La matrigna si trasferì in un’altra casa, e accanto a questa casa c’era un fitto bosco, e nel bosco, in una radura, c’era una capanna, e nella capanna viveva una baba-jaga: non lasciava avvicinare nessuno e mangiava la gente, come fossero polli. Fatto il trasloco, la moglie del mercante trovava mille scuse per mandare l’odiata Vasilisa nel bosco, ma lei tornava sempre a casa sana e salva: la bambolina le indicava la strada e non la lasciava avvicinare alla capanna della baba-jaga.
Arrivò l’autunno. La matrigna distribuì alle tre ragazze il lavoro serale: una fu incaricata di tessere del pizzo, l’altra di fare la calza, Vasilisa, invece, di filare, a ognuna insomma un compito. Spense tutte le luci della casa, lasciò solo una candela là dove lavoravano le ragazze, e se ne andò a letto. Le ragazze lavoravano. Ecco che la fiamma della candela si abbassò; una delle figlie della matrigna prese una pinza per smoccolare lo stoppino, ma invece, su ordine della madre, spense la candela come per caso. «Che facciamo adesso?» dicevano le ragazze. «Non c’è più luce da nessuna parte in casa, e i nostri compiti non sono finiti. Bisogna correre a prendere del fuoco dalla baba-jaga». «A me fanno luce le spille!» disse quella che tesseva il pizzo. «Io non ci vado». «Nemmeno io ci vado» disse quella che faceva la calza. «A me fanno luce i ferri!» «Devi andarci tu» gridarono tutte e due. «Vai dalla baba-jaga!», e spingevano Vasilisa fuori dalla stanza.
Vasilisa andò nel suo ripostiglio, mise davanti alla bambolina la cena preparata e disse: «Tieni, bambolina, mangia, mio bene, ascolta il racconto delle mie pene: vogliono mandarmi a prendere il fuoco dalla baba-jaga; la baba-jaga mi mangerà!». La bambolina mangiò tutto,e gli occhi le brillavano come due stelle. «Non temere, mia piccola Vasilisa!» disse. «Vai dove ti mandano, ma tienimi sempre con te. Con me accanto non ti succederà niente dalla baba-jaga». Vasilisa si preparò, si mise la bambolina nella tasca e, dopo essersi fatta il segno della corce, andò nella foresta selvaggia.
Cammina e trema. All’improvviso la supera un cavaliere: bianco, vestito di bianco, su un cavallo bianco ornato da finimenti bianchi: iniziò ad albeggiare.Cammina ancora e la supera un altro cavaliere: rosso, vestito di rosso, su un cavallo rosso: iniziò a spuntare il sole.
Vasilisa camminò tutta la notte e tutto il giorno, solo la sera successiva sbucò nella radura dove stava l’izbà della baba-jaga; la palizzata intorno all’izbà era di ossa umane, sulla palizzata c’erano dei teschi con gli occhi; al posto dei battenti del portone — gambe umane, al posto dei chiavistelli — mani, al posto del lucchetto — una bocca con denti aguzzi. Vasilisa allibì per l’orrore e rimase di sasso. All’improvviso arriva un altro cavaliere: nero, vestito di nero, su un cavallo nero; galoppò fino al portone della baba-jaga e sparì, come se la terra l’avesse inghiottito: si fece notte. Ma l’oscurità non durò a lungo; a tutti i teschi della palizzata si illuminarono gli occhi, e la radura fu rischiarata a giorno. Vasilisa tremava dalla paura, ma, non sapendo dove correre, rimase là.
Presto si sentì nel bosco un terribile rumore: gli alberi crepitarono, le foglie secche scricchiolarono; uscì dal bosco la baba-jaga: in un mortaio sedeva, con il pestello frustava, con una scopa le tracce cancellava. Si avvicinò al portone, si fermò e, dopo aver annusato intorno a sé, gridò: «Puah, puah! Sento odore di russo! Chi c’è?». Vasilisa, impaurita, si avvicinò alla vecchia e, facendo un profondo inchino, disse: «Sono io, nonna! Le figlie della mia matrigna mi hanno mandata da te a chiederti del fuoco». «Bene» disse la baba-jaga «le conosco, resta qualche tempo qui da me a lavorare e allora ti darò del fuoco; altrimenti, ti mangerò!» Poi si rivolse al portone e gridò: «Ehi, chiavistelli miei solidi, tiratevi; battenti miei larghi, apritevi!». Il portone si aprì, la baba-jaga entrò fischiando; dietro di lei entrò Vasilisa, e poi di nuovo tutto si richiuse. Entrata in casa, la baba-jaga si stese e dice a Vasilisa: «Dammi un po’ qui quel che c’è nel forno: voglio mangiare».
Vasilisa accese un rametto avvicinandolo ai teschi che stavano sulla palizzata e cominciò a tirare fuori dal forno del cibo e a darlo alla baba-jaga, e il cibo sarebbe bastato per sfamare almeno dieci persone; dalla cantina portò del kvas, dell’idromele, della birra e del vino. Tutto pappò, tutto trincò la vecchia; a Vasilisa lasciò solamente un po’ di minestrina di cavoli, un tozzo di pane e un pezzettino di carne di maiale. Si mise la baba-jaga a letto a dormire e dice: «Quando domani me ne andrò, vedi il cortile di pulire, l’izbà di spazzare, il pranzo di preparare, la biancheria di stirare, poi vai al contenitore del grano, prendi un quarto di frumento e puliscilo. E che tutto sia fatto, altrimenti ti mangerò!». Dopo questo ordine la baba-jaga cominciò a russare; Vasilisa, invece, mise gli avanzi del pranzo della vecchia davanti alla bambolina, pianse amaramente e disse: «Tieni, bambolina, mangia, mio bene, ascolta il racconto delle mie pene! La baba-jaga mi ha dato un compito troppo difficile e minaccia di mangiarmi se non lo porto a termine; aiutami!». La bambola rispose: «Non temere, Vasilisa la Bella! Mangia, di’ le tue preghiere e mettiti a dormire; la notte porta consiglio!».
Di buon mattino si svegliò Vasilisa, la baba-jaga si era già alzata, e guardò dalla finestra: gli occhi dei teschi si stanno spegnendo; ecco che balenò il cavaliere bianco e albeggiò. La baba-jaga uscì nel cortile, fischiò: davanti a lei apparve il mortaio con il pestello e la scopa. Balenò il cavaliere rosso: spuntò il sole. La baba-jaga sedette nel mortaio e uscì dal cortilem col pestello frustando, con la scopa le tracce cancellando. Vasilisa rimase sola, diede un’occhiata alla casa della baba-jaga, si meravigliò per l’abbondanza di ogni cosa e rimase pensosa: in quale lavoro impegnarsi prima di tutti? Guarda, ma tutto il lavoro era già stato fatto; la bambolina aveva diviso dalla pula gli ultimi chicchi di grano. «Ah tu, mia benefattrice!» disse Vasilisa alla bambolina. «Mi hai salvata dalla sventura». «Ti è rimasto solo da preparare il pranzo» rispose la bambolina, scivolando nella tasca di Vasilisa. «Cucina con l’aiuto di Dio, poi riposati e che buon pro ti faccia!»
Verso sera, Vasilisa apparecchiò la tavola e aspetta la baba-jaga. Cominciò a imbrunire, balenò dietro il portoneil cavaliere nero: discese la notte; c’erano solo gli occhi dei teschi che facevano luce. Gli alberi crepitarono, le foglie scricchiolarono: arriva la baba-jaga. Vasilisa le andò incontro. «Hai fatto tutto?» chiede la baba-jaga. «Guarda tu stessa, nonna!», disse Vasilisa. La baba-jaga controllò tutto, si dispiacque di non aver motivo per arrabbiarsi e disse: «Va bene!». Poi gridò: «Miei fedeli servitori, amici del mio cuore, macinate il mio grano!». Apparvero sei mani, afferrarono il grano e lo portarono via. La baba-jaga mangiò a sazietà, si mise a letto a dormire e diede un nuovo ordine a Vasilisa: «Domani fai tutto quello che hai fatto oggi, ma in più prendi dal granaio semi di papavero e pulisci ogni seme dalla terra: sai, qualcuno per farmi dispetto ci ha escolato della terra!». Così disse la vecchia, si girò verso la parete e si mise a russare, mentre Vasilisa dava da mangiare alla sua bamboline. La bambolina si rifocillò e le disse le stesse cose del giorno precedente: «Prega Dio e mettiti a dormire; la notte porta consiglio, tutto sarà fatto, mia piccola Vasilisa!».
Il mattino dopo di nuovo la baba-jaga se ne andò dal cortile nel mortaio, mentre Vasilisa e la bambolina fecero subito tutto il lavoro. La vecchia tornò, controllò tutto e gridò: «Miei fedeli servitori, amici del mio cuore, ricavate dai semi di papavro dell’olio!». Apparvero le sei mani, afferrarono il papavero e lo portarono via. La baba-jaga sedette a mangiare; quella mangia e Vasilisa, in piedi, tace. «Perché non mi dici qualcosa?» disse la baba-jaga. «Te ne stai lì come se fossi muta!» «Non osavo» rispose Vasilisa «ma se me lo permetti, allora vorrei proprio chiederti una cosa». «Chiedi pure; anche se non tutte le domande sono salutari: chi sa molto invecchia presto!» «Vorrei chiederti, nonna, solamente di una cosa che ho visto: mentre venivo da te, mi ha oltrepassata un cavaliere su un cavallo bianco, bianco anche lui e con un vestito bianco: chi era?» «Era il mio giorno chiaro», rispose la baba-jaga. «Poi mi ha oltrepassata un altro cavaliere, su un cavallo rosso, rosso anche lui e vestito tutto di rosso; e quello chi era?» «Era il mio sole ardente!», rispose la baba-jaga. «E chi era un cavaliere nero, che mi ha oltrepassata proprio sul tuo portone, nonna?» «Era la mia notte scura: tutti sono miei fedeli servitori!»
Vasilisa si ricordò delle sei mani e tacque. «Perché non mi chiedi qualche altra cosa?», disse la baba-jaga. «Mi basta così; tu stessa hai detto, nonna, che chi sa molto invecchia presto». «Hai fatto bene»disse la baba-jaga «a chiedere solo di quello che hai visto fuori del cortile e non nel cortile! Non i piace che la gente ficchi il naso nei miei affari, e quanti curiosi ho mangiato! Ora sono io a farti una domanda: come ce la fai a finire tutto il lavoro che ti do da fare?» «Mi aiuta la benedizione della mia mamma», rispose Vasilisa. «È dunque questo! Sparisci dalla mia vista, figlia benedetta! Non ho bisogno di gente benedetta». Trascinò Vasilisa fuori dalla casa e la spinse fuori dal portone, dopo aver preso dalla palizzata uno dei teschi con gli occhi fiammeggianti e averglielo dato, conficcato su un palo, dicendo: «Eccoti il fuoco per le figlie della tua matrigna, prendilo; è per questo, no, che ti hanno mandata qui».
Vasilisa si incamminò verso casa alla luce del teschio, che si spense solamente alle prime luci dell’alba, e, alla fine, la sera del secondo giorno, giunse a casa sua. Avvicinandosi al portone, voleva gettare il teschio: “Probabilmente a casa” pensa “non avranno più bisogno di fuoco”. Ma all’improvviso sentì una debole voce provenire dal teschio: «Non mi gettare, portami alla matrigna!«.
Lei guardò verso la casa della matrigna e, non vedendo luce a nessuna delle finestre, si decise ad andare là col teschio. Per la prima volta la accolsero affettuosamente e le raccontarono che, da quando se ne era andata, non avevano più avuto luce in casa: non erano riuscite in nessun modo ad avere della luce, perché anche il fuoco preso dai vicini si spegneva non appena lo portavano dentro. «Forse il tuo fuoco resisterà!», disse la matrigna. portarono il teschio nella stanza; gli occhi del teschio fissano in un modo la matrigna e le sue figlie, e fiammeggiano in un modo! Quelle si nascondevano, ma ovunque si mettevano, gli occhi le seguivano; verso mattino erano carbonizzate in un angolo; solo Vasilisa era stata risparmiata.
Al mattino, Vasilisa sotterrò il teschio, chiuse la casa a chiave, andò in città e chiese alloggio a una vecchietta senza famiglia; se ne sta là e aspetta il ritorno del padre. Un giorno dice alla vecchietta: «Mi sono annoiata di stare senza far niente, nonna! Esci, comprami il miglior lino che c’è; almeno filerò». La vecchietta comprò il miglior lino; Vasilisa si mise al lavoro, che procedeva a meraviglia, e ottenne un filo talmente uniforme e sottile da sembrare un capello. Quando ebbe filato a sufficienza per poter tessere della stoffa, non si trovò un telaio che fosse adatto al filo di Vasilisa; nessuno si sente in grado di farlo. Vasilisa chiese consiglio alla sua bambolina, che dice: «Portami un qualsiasi telaio vecchio, una vecchia spola e un crine di cavallo; io ti confezionerò ciò che vuoi».
Vasilisa si procuròtutto quel che serviva e si mise a dormire, mentre la bambola durante la notte preparò un macchinario perfetto. Alla fine dell’inverno fu pronta anche la tela, e così fine che la si sarebbe potuta far passare per la cruna di un ago al posto del filo. In primavera tinsero di bianco la tela, e Vasilisa dice alla vecchia: «Vendi, nonna, questa tela e tieniti i soldi». La vecchia diede un’occhiata alla stoffa e esclamò: «No, bambina! Una tela simile è degna solamente dello zar, la porterò a palazzo». Andò la vecchia a palazzo reale e si mette a fare vanti e indietro sotto le finestre. La vide lo zar e chiese: «Che vuoi, vecchietta?». «Vostra Altezza Reale» risponde la vecchia «ho portato una mercanzia meravigliosa; non voglio mostrarla ad altri se non a te». Lo zar ordinò di far entrare la vecchia e quando vide la tela trasecolò. «Quanto ne vuoi?», chiese lo zar. «Non ha prezzo, mio sovrano! Te l’ho portata in dono». Lo zar ringraziò e mandò via la vecchia carica di regali.
Volevano utilizzare quella tela per fare delle camicie allo zar, le tagliarono, ma non poterono trovare da nessuna parte una sarta in grado di cucirle. A lungo cercarono; alla fine lo zar fece chiamare la vecchia e disse: «Visto che sei stata capace di filare e di tessere una simile tela, saprai anche farne delle camicie». «Non sono stata io, sovrano, a filare e a tessere questa tela» disse la vecchia «è stata la mia figlia adottiva». «Allora che le cucia lei!» Tornò la vecchietta a casa e raccontò tutto a Vasilisa. «Sapevo» le dice Vasilisa «che questo era un lavoro per le mie mani». Si chiuse nella sua camera e si mise all’opera; cucì senza sosta e presto una dozzina di camicie fu pronta.
La vecchia portò le camicie allo zar, mentre Vasilisa si lavò, si pettinò, si vestì e sedette sotto la finestra. Se ne sta seduta e aspetta gli avvenimenti. Vede che arriva nel cortile della vecchia un servitore dello zar; entrò nella stanza e dice: «Il sovrano vuole vedere l’abile sarta che ha cucitole sue camicie e ricompensarla con le sue mani regali». Andò Vasilisa e si presentò agli occhi dello zar. Come lo zar vide Vasilisa la Bella, subito si innamorò perdutamente di lei. «No» dice «bellezza mia! Non mi separerò mai da te; tu sarai mia moglie». Allora prese lo zar Vasilisa per le bianche mani, la fece sedere accanto a sé e lì celebrarono le nozze. Presto tornò anche il padre di Vasilisa, si rallegrò del destino della figlia e rimase a vivere con lei. Vasilisa tenne con sé nche la vecchietta e portò sempre in tasca la bambolina fino alla fine dei suoi giorni.

 

♦ “Masha e l’Orso e altre fiabe popolari russe”,
Raccolte da A. N. Afanas’ev

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Arte, Arte Varia, Autori, Blog, Letteratura, Libri, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Galleggiando nella tempesta

ALIVE
SIA

 

Luna nuova, settimana nuova, eventi nuovi, purtroppo alcuni molto dolorosi, dinamiche nuove, inevitabili, emozioni nuove, conseguenti.
Io, però, sono rimasta quella “vecchia” e temo che questo non si incastri affatto con tutte le novità recenti.

Non ricordo l’ultima volta che ho saltato l’appuntamento con la fiaba russa del mercoledì, eppure la settimana scorsa è successo e, per quanto stupido sia questo episodio, mi ha in qualche modo destabilizzata.
Un’opportunità di lavoro, tanto inaspettata quanto urgente, ha fatto sì che non avessi il tempo materiale di trascriverla. Il punto è che l’unico modo per non perdersi l’avventura di un nuovo viaggio è farsi trovare a bordo quando la nave salpa, anche se la partenza ci coglie impreaparati, magari addirittura in un momento difficile, ed è proprio quello che ho fatto: ho colto la palla al balzo.

Per quanto mi riguarda, ho la sensazione di non essere mai abbastanza pronta, nemmeno quando le svolte inattese sono positive: mi enatusiasmano, di sicuro portano con sé una buona dose di conforto e fiducia nel futuro, ma quasi sempre mi sfiniscono, lasciandomi esausta, perché quando le energie mancano, mancano per tutto, anche per le cose belle.

Questo fine setimana è stato così: un’accozzaglia confusa di cambiamenti irreversibili, perdite irreparabili a fronte di piccolissimi e timidi passi avanti, che fanno di oggi un lunedì diverso dagli altri, caratterizzato da un equlibrio perverso fra aspettative, aspirazioni, paure e la frustrante consapevolezza di avere un potere decisionale pressoché nullo su ciò che la vita ha in serbo per noi.
L’unica strategia papabile per restare a galla è affidarsi al buon senso e all’istinto di sopravvivenza, mentre tutto intorno imperversa la tempesta.

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Capita anche a me..., Che Schifo!, Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, Musica, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

Crederci è tutta un’altra cosa

gelo-морозко

 

I programmi per il fine settimana scorso prevedevano solo qualche commissione e un piccolo evento letterario locale, invece il tutto si è trasformato in una full immersion fra persone che, seppur dopo mille peripezie, “ce l’hanno fatta”, come si usa dire.

Forse, dopo tanto tempo, ho ripreso a sentire di nuovo mia la convinzione che, per riuscire in qualcosa, bisogna innanzi tutto crederci davvero.
Negli ultimi mesi di sicuro non ho mai smesso di sperarci, questo no, ma crederci… crederci è tutta un’altra cosa.

Allora… Ci sono un barman, una commerciante e uno scrittore… Potrebbe sembrare l’inizio di una di quelle storielle divertenti che in genere giocano sulle differenze fra le varie nazionalità, invece è tutto vero. Tre persone molto diverse fra loro, ma accomunate dal non essersi arrese, dall’incrollabile volontà di tagliare il traguardo che si erano prefisse e dall’avere, infine, raggiunto ognuna il proprio obiettivo.

Quello che conta, quindi, è tenere duro, non mollare mai.
Chi se ne frega se le mani tremano, le articolazioni urlano, gli occhi si annebbiano, il naso e le gengive sanguinano: io continuo a scrivere.
Ho capito che, almeno per il momento, non conta il “cosa”: di quello mi preoccuperò quando tenere in mano la penna, o pigiare sui tasti del computer, sarà tornata a essere una delle conditio sine qua non per il “normale” svolgimento delle mie giornate.
Si tratta di “oliare” tutta una serie di vecchi ingranaggi per poterli rimettere in moto e poi lasciare che gli eventi facciano il loro corso.

Se c’è qualcosa che l’AnarcoPatia mi ha insegnato, quel qualcosa sono pazienza e forza di volontà nell’essere costante, perfino nelle dinamiche spiacevoli e obbligate legate alla malattia, quindi ora il punto sta nel trovare le energie per mettere in pratica questi insegnamenti anche in relazione alle cose fatte per scelta, quelle che mi permettono di tirare il fiato, che mi fanno sorridere e mi riempiono di entusiasmo, gioia e serenità.

La mia sensazione è che questa ricerca sarà lunga e, spesso, difficoltosa, ma pur iniziando a metabolizzare il concetto del “vivere qui e ora”, che domani chissà se avremo ancora le stesse opportunità, sono convinta di avere ancora un sacco di cose da fare, quindi, per l’ennesima volta, al bando l’ipotesi della resa, e forse, questa volta, sto iniziando a crederci davvero.

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Abisso, Arte Varia, Blog, Buoni Propositi, Capita anche a me..., Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Il gatto e la volpe

gatto-volpe-кот-лиса

 

C’era una volta un contadino che aveva un gatto, ma talmente discolo da non credere! Il contadino ne ebbe abbastanza. Pensa che ti ripensa, il contadino prese il gatto, lo mise in un sacco, che annodò e portò nel bosco. Ce lo portò e lo piantò nel bosco: che sparisca! il gatto camminò, camminò e arrivò a una capannuccia, dove viveva un guardaboschi; si arrampicò nel solaio e se ne sta come unpascià. Quando vuole mangiare, va nel bosco a caccia di uccelletti e di topi, mangia a sazietà e si rimette nel solaio, senza nessun problema.
Un giorno che il gatto se ne andava a spasso, incontrò una volpe, che si stupì di vedere un gatto: «Da tanti anni vivo nel bosco, ma non ho mai visto un animale simile». Fec un inchino al gatto e chiede: «Dimmi, bravo giovane, chi sei, qual buon vento ti ha portato qui e come ti devo chiamare?». il gatto rizzò il pelo e dice: «Mi hanno mandato dalle foreste siberiane per farvi da borgomastro; mi chiamo Gattofej Ivanovič». &laquoAh, Gattofej Ivanovič» dice la volpe «non sapevo niente di te, non ti conoscevo; su, vieni da me a prendere qualcosa». il gatto andò dalla volpe; quella lo portò nella sua tana e gli offrì diversi tipi di selvaggina, poi chiede: «Allora, Gattofej Ivanovič, sei sposato oscapolo?«. «Scapolo», dice il gatto. «E io, la volpicina, sono signorina, prendimi in moglie». Il gatto acconsentì, ed eccoli festeggiare allegramente.
Il giorno dopo, la volpe partì alla ricerca di provviste, per avere di che vivere col giovane marito; il gatto rimase a casa. la volpe corre, le capita di incontrare il lupo, che si mise a fare il cascamorto: «Dove sei finita, comare? Tutte le tane abbiamo frugato, ma te, non ti abbiamo trovata». «Lasciami stare, imbecille! Smettila di fare il cascamorto. prima ero una volpicina-signorina, ma ora sono sposata». «E chi hai sposato, Volpina Ivanovna?» «Davvero non hai sentito che dalle foreste siberiane ci hanno mandato come borgomastro Gattofej Ivanovič? Ora sono la moglie del borgomastro». «No, non ne so niente, Volpina Ivanovna. Vorrei vederlo, come faccio?» «Uh! Il mio Gattofej Ivanovič ha un così brutto carattere: chi non gli va a genio, se lo mangia all’istante! Guarda, prepara un montone e portaglielo in segno di deferenza; posa il montone e vatti a nascondere, di modo che non ti veda, altrimenti, fratello, saranno guai!» Il lupo corse in cerca di un montone.
Cammina la volpe e incontra l’orso, che si mise a fare il cascamorto. «Perché mi importuni, scioccone di un Miška? Prima ero una volpicina-signorina, ma ora sono sposata». «E che hai sposato, Volpina Ivanovna?» «Quello che ci hanno mandato dalle foreste siberiane come borgomastro, Gattofej Ivanovič, lui ho sposato». «Non è possibile vederlo, Volpina Ivanovna?» «Uh! Il mio Gattofej Ivanovič ha un così brutto carattere: chi non gli va a genio, se o mania all’istante! Vai, prepara un bue e portaglielo in segno di deferenza; il lupo gli porterà un montone. Ma stai attento, posa il bue e nasconditi, di modo che Gattofej Ivanovič non ti veda, altrimenti, fratello, saranno guai!» L’orso si trascinò avanti in cerca di un bue.
Il lupo portò il montone, lo scuoiò e resta lì pensieroso: to’, l’orso sta arrivando pian pianino con un bue. «Salve, fratello Michajlo Ivanovič!» «Salve, fratello Lupo! Hai visto per caso la volpe e suo marito?» «No, fratello, è un pezzo che li aspetto». «Vai a chiamarli!» «No, non ci vado, Michajlo Ivanovič! Vai tu, che hai più fegato di me». «No, fratello Lupo, nemmeno io ci vado». Improvvisamente, da non si sa dove, sbuca di corsa una lepre. L’orso le gridò: «Vieni qui, diavolo di un’orecchiona!». La lepree, spaventata, accorse. «Allora, monella di un’orecchiona, sai dove abita la volpe?» «Lo so, Michajlo Ivanovič!» «Bene, corri là e dille che Michajlo Ivanovič e fratello Lupo Ivanovič sono pronti da un pezzo, ti aspettano con tuo marito, vogliono mostrare la loro devozione con un montone e un bue.
La lepre si precipitò gambe in spalla dalla volpe. L’orso e il lupo, intanto, rimasero a pensare dove potersi nascondere. L’orso dice: «Io mi arrampicherò su un abete». «E io che devo fare? Dove mi dvo cacciare?» chiede il lupo. «Su un albero non ci salirò mai! Michajlo Ivanovič! Nascondimi, per favore, da qualche parte, fai qualcosa». L’orso lo mise tra i cespugli e lo coprì con delle foglie secche, poi si arrampicò sull’abete, proprio sulla cima, e si mise a guardare se arrivava Gattofej con la volpe. La lepre, nel frattempo, arrivò alla tana della volpe, bussò e dice alla volpe: «Michajlo Ivanovič e fratello Lupo Ivanovič mi hanno mandata a dirti che da un pezzo sono pronti, ti aspettano con tuo marito e vogliono far atto di devozione con un montone e un bue». «Vai, orecchiona! Noi arriviamo».
Il gatto e la volpe si incamminano. L’orso li vede e dice al lupo: «Ecco, fratello Lupo Ivanovič, arriva la volpe con il marito. Ma com’è piccoletto!». Arrivò il gatto e si gettò subito sul bue, il pelo gli si rizzò, e iniziò a strappare la carne con i denti e con le zampe, ronfando in tono aggressivo: «È poco, è poco!». L’orso allora dice: «Non è grande, ma è molto vorace! Per noi in quattro sarebbe stato troppo e per lui da solo è poco; rischiamo che si attacchi pure a noi!». Il lupo voleva tanto dare un’occhiata a Gattofej Ivanovič, ma attraverso le foglie non era possibile! Cominciò a scansare le foglie che aveva davanti agli occhi, ma il gatto sentì il fruscio delle foglie, pensò che fosse un topo e piombò direttamente sul muso del lupo con le unghie sfoderate.
Il lupo fece un salto, e gambe! Chi s’è visto s’è visto! Pure il gatto si spaventò e si lanciò dritto sull’albero dove stava l’orso. “Ecco” pensa l’orso “mi ha visto!” Non avendo il tempo di calarsi, si rimise al volere divino e si scaraventò giù dall’albero fino a terra, rompendosi tutte le ossa; fece un salto, e via! La volpe gli grida dietro: «Aspettate! Ve la farà vedere lui!». Da allora, tutti gli animali cominciarono a temere il gatto; il gatto e la volpe, riforniti di carne per tutto l’inverno, vissero felici e contenti. Ancora oggi stanno bene, non gli manca mai il pane.

 

♦ “Masha e l’Orso e altre fiabe popolari russe”,
Raccolte da A. N. Afanas’ev

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Arte, Arte Varia, Autori, Blog, Letteratura, Libri, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Oggi va così… #5

giornata-russia-деньроссии

 

Vorrei scrivere di più su questa ricorrenza, ma oggi, per una serie di motivi, il tempo è davvero poco, quindi, rimanendo fedele al titolo, oggi va così…

Magari l’anno prossimo sarò un po’ più organizzata e riuscirò a programmare il post per tempo, mettendoci dentro tutto quello che potrebbe esserci da dire in merito. Per quest’anno, ahimè, il caos l’ha avuta vinta nella gestione della cosa, quindi mi limiterò a un augurio, semplice ma sincero:

Buona Giornata della Russia!!!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Toppe e rammendi

giugno-июнь

Siamo a giugno, giovedì scorso nella mia amata Russia è iniziata l’estate, mentre qui ad AnarcoLandia per me è iniziato il settimo mese di arresti domiciliari.
Questo nuovo mese non è partito bene: tutto quello che poteva andare storto nel fine settimana passato non ha mancato di farlo, quindi l’umore non è proprio dei migliori.

Dopo essermi innervosita, arrabbiata, depressa, lasciata andare in balìa delle lacrime e chi più ne ha, più ne metta, sono più o meno rinsavita e giunta a una conclusione: per l’ennesima volta non mi resta che rimboccarmi le maniche e ricominciare tutto da capo. Sì, di nuovo.
Una lezione imparata di recente è che, in fondo, quando le energie si fanno scarse, si tratta di valutare con attenzione e scegliere con cura in cosa investirle, in modo che possano fruttare al meglio, portando a risultati capaci di suscitare l’entusiasmo necessario ad andare avanti, a non arrendersi.
Certo, questo investimento selettivo comporta anche delle rinunce. Il focalizzarsi in maniera esclusiva ed intensiva sugli obiettivi ritenuti prioritari fa sì che tutto il resto venga, quanto meno in via temporanea, accantonato e rimandato a momento da stabilirsi.
Non posso negare che dover per forza restringere i propri orizzonti sia frustrante, ogni giorno di più, ma se non c’è alternativa non resta che prenderne atto e fare del proprio meglio nella gestione delle nuove complicazioni, con la poco rassicurante consapevolezza che, con ogni probabilità, non saranno le ultime.
Decidere cosa sacrificare non sarà affatto facile, ma sono sicura che, una volta fatto, si rivelerà catartico.

Un’idea bizzarra mi frulla per la testa: e se ripartissi facendo un passo indietro?
Se, una volta scelte le priorità, magari con una buona dose di onesto realismo nella scelta, le riprendessi dal passo precedente a quello in cui sono stata costretta ad abbandonarle?
Se invece di impegnarmi a ricucire lo strappo tentando il possibile perché non si noti, mettessi una bella toppa, sobria ma dai colori vivaci, che ripari il danno portando una piacevole nota di novità?

Donare nuova vita a ciò che la vita stessa ha in qualche modo sgualcito, questo sarebbe il proposito. Un atteggiamento di grande rispetto verso le cose davvero importanti, seppur in apparenza ‘rovinate’, ma anche un allenamento costante e rigoroso per imparare a non lasciarsi sopraffare dall’imprevisto e a mantenersi saldi nella propria identità qualsiasi ostacolo ci si pari davanti.

Rompiamo il Silenzio!

Categorie: Abisso, Blog, Buoni Propositi, Capita anche a me..., Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

L’audace bracciante.

audace-bracciante-удалой-батрак

 

Un mugnaio aveva un bracciante. Il mugnaio lo mandò a versare nella tramoggia del frumento, ma il lavorante andò e lo versò su una pietra. Il mulino iniziò a girare, e tutto il frumento si sparpagliò. Quando il padrone arrivò al mulino e vide il frumento sparpagliato, cacciò subito il lavorante. Il lavorante partì per tornare a casa, nel suo villaggio, e si perse. Si avvicinò allora a dei cespugli e si mise a dormire. Arriva un lupo; vede che il lavorante dorme, e gli si avvicinò piano piano, iniziò ad annusarlo, ma il lavorante afferrò il lupo per la coda, lo uccise e lo scuoiò!
Ecco che il lavorante si ritrovò su un monte , e sul monte c’era un mulino vuoto: decise di passarci la notte. Giunsero tre uomini: briganti; accesero nel mulino un bel fuoco e iniziarono a spartirsi lo spartibile. Il primo brigante dice: «Io metterò la mia parte sotto il rovescio del mulino»; il secondo brigante: «E io la caccerò sotto la ruota»; e il terzo dice: «Io la nasconderò nella tramoggia». Ma nella tramoggia c’era il lavorante, il quale, temendo che i briganti lo uccidessero, pensò tra sé: «Mi metterò a gridare qualcosa: Ehi, tu, vieni qui giù; e tu, Donato, guarda di lato; e tu, piccolo, guarda qui, mentre io guarderò lì! Teneteli, ragazzi! Pestateli, ragazzi!». I briganti furono presi dal panico, mollarono i loro averi e corsero via.
Il lavorante venne fuori dalla tramoggia, raccolse tutte le ricchezze e andò a casa; arriva e racconta al padre e alla madre: «Ecco quel che ho guadagnato dal mugnaio. Ora, vecchio, andiamo al mercato: ci compreremo un bel fucile e andremo a caccia». Se ne andarono al mercato, comprarono un fucile e vengono via dal mercato. Ecco che il lavorante dice al vecchio: «Tu, padre, guarda se non ci capiti una lepre, una volpe, oppure una martora». Andarono, ma ambedue si appisolarono e poi si addormentarono. Da non si sa dove saltarono fuori due lupi, sventrarono il loro cavallo e se lo mangiarono. Il vecchio si svegliò e iniziò a dar colpi di frusta: credeva di colpire il cavallo, e invece colpiva il lupo! Il lupo si infilò nel giogo e iniziò a tirare, mentre il vecchio a guidare. Il secondo lupo vuole afferrare da dietro il lavorante, e quel lupo aveva la gobba. Il lavorante iniziò a frustare il lupo, quello tentò di afferrare la frusta con i denti: sulla frusta, però, c’era un nodo, che si impigliò nella gobba del lupo! Il lavorante riuscì a trascinare anche quello dietro la carretta. Un lupo e l’altro da dietro spingeva. Ecco che arrivarono a casa; il cagnolino uscì fuori saltando e cominciò ad abbaiare. I lupi si spaventarono, il primo fece una mossa repentina: la carretta si rovesciò, il lavorante col vecchio a terra precipitò; allora il lupo dal giogo si liberò, mentre al lavorante la frusta dalle mani cascò; così tutti e due i lupi corsero via, mentre il vecchio e il lavorante rimasero con un palmo di naso. Da allora vissero nella ricchezza, la loro casa era una bellezza, avevano il cielo sopra la testa, e la vita era una gran festa!

 

♦ “Masha e l’Orso e altre fiabe popolari russe”,
Raccolte da A. N. Afanas’ev

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Arte, Arte Varia, Autori, Blog, Letteratura, Libri, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Giornata Internazionale della Lingua Russa 2017

 

Chi non condivide la mia famigerata russofilia potrebbe non sapere che oggi, 6 giugno, si celebra l’anniversario della nascita del signor Александр Сергеевич Пушкин (Aleksandr Sergeevič Puškin; 6 giugno 1799, Mosca – 10 febbraio 1837, San Pietroburgo) e, dal 2010 per proclamazione dell’ONU, anche la Giornata Internazionale della Lingua Russa.

Poeta, saggista, scrittore e drammaturgo del romanticismo russo, Puškin è considerato il fondatore della lingua letteraria russa contemporanea e le sue opere sono state fonte di ispirazione per numerosi scrittori, compositori e artisti.
Proprio “ispirazione”, in russo вдохновение, è la parola con cui ho festeggiato la Giornata Internazionale della Lingua Russa del 2017. Una parola imparata dai fantastici cartoni animati di Masha & Orso e poi riutilizzata, riscuotendo un enorme successo, durante l’esame orale per la Certificazione Internazionale TORFL.

Fra la definizioni di “ispirazione” fornite da Il Nuovo De Mauro, tengo in modo particolare a sottolineare le due che seguono:

  • potenza immaginativa, impulso che spinge alla creazione di un’opera dell’intelletto, specialmente artistica; motivo ispiratore di un’opera intellettuale o artistica
  • disposizione, impulso improvviso dell’animo che spinge ad agire in un determinato modo; intuizione, idea brillante

Qual è il legame fra le due cose? Semplice!
È così che mi sento ogni volta che mi immergo nella meravigliosa lingua russa: ispirata.

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Arte Varia, Autori, Blog, Letteratura, Libri, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: