Articoli con tag: Всемирный День Перевода

Giornata Mondiale della Traduzione 2017

giornata-mondiale-traduzione

 

Senza la traduzione
abiteremmo province
confinanti con il silenzio.

George Steiner

 

Sulla metafora del silenzio si basa anche il pensiero di Peter Bush, secondo cui “La letteratura non è un’arte universale come la pittura, o meglio lo è solo grazie alla traduzione. La letteratura è piuttosto come la musica, ha bisogno di un interprete per dar voce a note che altrimenti resterebbero mute”, mentre José Saramago, coerente ma forse un po’ più concreto, sostiene che “Gli scrittori creano la letteratura nazionale, mentre i traduttori rendono universale la letteratura”.

Domani si celebrerà la 26ª Giornata Mondiale della Traduzione, fissata il 30 settembre in onore di San Gerolamo, patrono ufficiale dei traduttori grazie alla sua colossale impresa di traduzione dell’intera Bibbia dall’ebraico al latino.

Ancora oggi in Italia la figura del traduttore riceve scarso riconoscimento, professionale ed economico, ma questo non smorza la dedizione che l’esercito dei traduttori riversa nello svolgimento del proprio lavoro.
Seppur a fronte del quasi anonimato e di una remunerazione di cui spesso non si riesce a vivere, i traduttori sono, e rimangono, ben consapevoli di quanto fondamentale sia il loro ruolo nella società iper-globalizzata dei giorni nostri.

Pensate alla piacevole sensazione che provate quando guardate un bel film o leggete un buon libro. Ora pensate che, in un buon 80% dei casi, ma forse anche di più, quella sensazione vi sarebbe negata se non esistessero i traduttori, dato che gran parte della letteratura, odierna e non, e ancor più della produzione cinematografica, non nasce certo in italiano.

Ecco allora che la giornata di domani dovrebbe essere un monito per tutti coloro che non si rendono conto di quanto fragile sia l’equilibrio della comunicazione interlinguistica e interculturale, ma ancor più vorrebbe essere un invito a provare a scoprire il mondo sommerso, e spesso bistrattato, della traduzione perché, proprio come molti altri ambiti lavorativi, è un universo fatto di persone che si danno da fare, ma, soprattutto, di persone che, a dispetto del risicato riscontro personale che ne ricevono, amano in modo viscerale e sincero quello che fanno.

 

Buona Giornata della Traduzione
a tutte e tutti!!!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Blog, Letteratura, Libri, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Scrittura, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

25ª Giornata Mondiale della Traduzione.

giornata-mondiale-traduzione-всемирный-день-перевода-international-translation-day

 

Innanzi tutto, tanti auguri San Gerolamo!
Ebbene sì, verso la fine del 300 d.C. il simpatico malandrino si imbarcò in un’impresa a dir poco epica: la prima traduzione della Bibbia dall’ebraico al latino.
Gli ci vollero ben 23 anni, ma il risultato fu che circa 1500 anni dopo, per la precisione nel 1953, la sua festa venne scelta come data ufficiale per la celebrazione della Giornata Mondiale della Traduzione.

Molte delle riflessioni che questa giornata mi suscita non differiscono granché da quelle espresse nel post di lunedì, quindi eviterò di annoiarvi con inutili ripetizioni, però vorrei citare le parole di Hado Lyria, traduttrice italiana di Manuel Vázquez Montalbán, Juan Marsé, Jorge Louis Borges e Pedro Almodóvar.

 

L’Europa tende sempre più a individuare nel traduttore (anche a livello legale) una sorta di co-autore. Ma è un argomento tuttora molto discusso. Voglio comunque ricordare che una buona esecuzione musicale viene sempre citata con i due nomi: quello dell’autore della partitura e quello del musicista che l’interpreta. Questo non avviene ancora per la traduzione letteraria, se non in casi assai rari. Si ricorda qualche Shakespeare di Montale, e via dicendo. Ma si tratta di eccezioni.

 

Questa considerazione è tratta da un’intervista pubblicata nella raccolta “Gli autori invisibili. Incontri sulla traduzione letteraria.”, realizzata da Ilide Carmignani ed edita da Besa Editrice.

Non credo ci sia molto da aggiungere, il confronto fra l’opera musicale e l’opera letteraria suggerito da Hado Lyria rende alla perfezione la situazione dei traduttori in Italia.

D’altronde, potevo forse io dannarmi l’anima all’inseguimento di obiettivi semplici, risolutivi e, soprattutto, fin da subito appaganti?
Ovvio che no!

 

Buona 25ª Giornata Mondiale
della Traduzione!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Arte Varia, Blog, Letteratura, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: