Articoli con tag: Счастье

The Space In Between.

space-between-Marina-Abramović

 

Lo scorso martedì sera mi sono imbarcata in una delle mie serate cinematrografiche da solista.
Ho appoggiato il mio sederone nella PandaMobile e sono partita alla volta DEL Multisala (con la M maiuscola), a 20 km da casa, che a differenza dei consimili della mia zona, è abbastanza chic da potersi permettere la proiezione dei “film-evento”.

Attenzione puntata su “The Space In Between”, docu-film che testimonia il viaggio che Marina Abramović ha intrapreso nel 2013 in Brasile, alla ricerca di una spiritualità più profonda e trascendente.

Bello, ma un tantino al di sotto delle aspettative.
L’artista, sessantasettenne all’epoca del viaggio, sembra aver perso smalto e originalità. Condizione accettabile se la si pensa come naturale evoluzione di un essere umano che, col passare degli anni, va incontro a un possibile calo fisiologico d’energia, ma difficile da concepire in relazione a Marina Abramović.

Nonostante questo, si coglie ancora almeno l’ombra di quel che Marina Abramović è stata e, per quanto mi riguarda, è stata comunque una visione interessante.

Ho letto e sentito critiche feroci riguardo questo documentario e mi rendo conto che, forse, il mio giudizio è “ammorbidito” dall’effetto catartico che le performance della Abramović hanno avuto su di me negli anni.

Non posso negare l’oggettività di alcune delle osservazioni mosse contro “The Space In Between”, ma, personalmente, non ho trovato il passaggio dallo scioccare il pubblico al suggestionarlo così disturbante e deludente.

Un percorso che, compiuto da chiunque altro, risulterebbe emozionante, mentre trattandosi di Marina Abramović dà l’idea di essere di essere quasi banale.
Durante il suo viaggio l’artista ha incontrato guaritori e guaritrici rappresentanti di diverse correnti sciamaniche del Brasile e si è sottoposta ad alcuni dei loro rituali purificatori.
A farmi percepire ancora lo spirito di sperimentazione della Abramović è stata la consapevolezza che ben poche persone provenienti da paesi “civilizzati” si sottoporrebbero a pratiche simili, perfino se fossero la loro ultima speranza. Interventi chirurgici eseguiti con strumenti di fortuna e senza anestesia, intrugli potenzialmente letali e permanenze in contesti naturali sconfinati e ostili.

Quel che più mi è rimasto è un insegnamento, tanto semplice da risultare scontato, ma difficile da vivere nella quotidianità:

Ho capito che la felicità non viene dall’esterno, viene da me. Da dentro.

 

space-between-Marina-Abramović

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Annunci
Categorie: Arte, Arte Varia, Blog, Film, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Benvenuto Autunno!

Autunno-Осень

San Pietroburgo, Russia

 

Giovedì scorso, 15 Settembre, a Milano è stato il primo giorno al di sotto dei 30°, con tanto di pioggia: era ora!
Unico fastidio, la comprovata incapacità del milanese medio a gestire se stesso e l’ombrello in contemporanea.

Nonostante la temperatura sia finalmente arrivata a un livello tollerabile, per quanto mi riguarda ancora non ci siamo.
Mi rendo conto che, forse, il mio termine di paragone è un tantino irrealistico, ma trattandosi di me la scelta era inevitabile e quasi scontata.

 

Per farvi capire:

15/09/2016. Milano. Ore 6:00. → 20°
Temperatura massima della giornata: 25°

15/09/2016. San Pietroburgo. Ore 7:00. → 8°
Temperatura massima della giornata: 16°

E parlando di oggi:

23/09/2016. Milano. Ore 6:00. → 15°
Temperatura massima della giornata: 23°

23/09/2016. San Pietroburgo. Ore 7:00. → 10°
Temperatura massima della giornata: 10°

 

Non credo servano commenti.

Così, mentre tutti si lamentano da ormai una settimana dell’infausto clima sopraggiunto, sgradito profeta annunciatore della fine dell’estate, io quasi rinasco, galvanizzata come non mai dalla manciata di gradi Celsius in meno.

Ribadendo il concetto con parole più semplici e dirette:

È arrivato l’autunno!

 

Tutti depressi dal progressivo e insesorabile assopirsi della natura, io invece inizio a sentire il cervello che si risveglia.

Certo, il freddo rattrappisce i miei muscoli acciaccati, ma non riesce a scalfire la mia opinione: se fa freddo, non c’è limite al numero di strati sotto cui posso infilarmi, se fa caldo, una volta che sono in mutande cosa faccio?

Vi faccio un altro esempio…

CALDO.
Rientrate dopo una giornata pesante, appiccicaticci e grondanti di sudore.
Vi rinfrescate, vi infilate addosso quel che di più leggero riuscite a trovare nell’armadio, spalancate le finestre seguendo una strategia ben precisa, per far sì che l’aria circoli, aprire il frigorifero e… orrore!
Vi siete dimenticati di mettere qualcosa da bere in fresco, o peggio, qualcuno è arrivato alle scorte prima di voi, ma poi si è scordato di rifornire il frigo.

FREDDO.
Rientrate dopo una giornata pesante, a un passo dall’ibernazione. Vi liberate della tenuta da lavoro, qualsiasi essa sia, sostituendola con numerosi strati di morbidi maglioni di lana e comode felpone di pile, aprite le finestre giusto quei 10 minuti necessari ad arieggiare la casa, tanto semi-congelati come siete non saranno certo quei 10 minuti a uccidervi, soprattutto considerando che ora siete provvisti di un’armatura riscaldante inaccessibile al più infido degli spifferi.
Mentre fate tutto questo, il bollitore che avete messo sul fuoco appena rientrati inizia a borbottare. Cosa manca da fare? Una cosa soltanto: scegliere da quale tè o tisana bollente farvi tenere compagnia.
Mio unico rammarico sarebbe di aver usato, da occidentale, un bollitore al posto di un samovar

Insomma, checché possano dirne gli amanti dell’estate, per me non c’è confronto: non esiste una stagione migliore dell’autunno!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Scoprendo Evgenija Magaril…

avanguardia-russa

Image Credit © VeRA Marte

 

Passare il pomeriggio a una mostra che conta circa 300 opere e rimanere folgorata dall’unico, sconosciutissimo, pezzo esposto di un’autrice altrettanto sconosciuta: Евгения Марковна Магарил (Evgenija Markovna Magaril), classe 1902.

Avrei potuto fotografare il suo quadro, come ho fatto con altri (lo so che non si dovrebbe… -.-“), e invece no.
Non avevo idea che non l’avrei trovato su internet, nemmeno cercando sui portali russi, ma non importa.
A fine mostra ho comprato il catalogo, quindi avrei potuto fotografarlo da lì, o addirittura provare a scansionarlo, ma ho deciso di no.
Il punto è che, realizzato negli anni ’20, il dipinto “Costruzione” è un’opera di dimensioni piuttosto modeste, una rappresentazione astratta tutta sviluppata coi toni del marrone.

Non saprei proprio dire cosa mi abbia colpita così tanto. I colori non sono fra quelli che in genere attirano la mia attenzione, le dimensioni e la relativa semplicità della composizione fanno sì che si collochi nella corrente del suprematismo senza però occuparvi una posizione di particolare rilievo, eppure non so…
Mi ha trasmesso una sensazione di calore: per questo mi è piaciuto.

Per quasi tutto il tempo ho fatto ammattire l’AnarcoSocio, stressandolo a morte con le mie maniacali osservazioni, molto linguistiche e molto poco artistiche, su tutte le scritte in russo arcaico che campeggiavano sulle opere più datate.

Una domenica pensata da tanto, ma organizzata all’ultimo, si è rivelata un vero e proprio concentrato di passioni: arte, Russia, Torino, e tutto con l’AnarcoSocio!

Giornate che, sarà un luogo comune, ma davvero vorresti non finissero mai.
Giornate che ti insegnano più lezioni di qualunque scuola.
Giornate da cui esci esausta, ma FELICE!!!

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Arte Varia, Blog, Mostre, PolimioVita, Rompiamo il Silenzio, Russia, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Fra le Braccia.

 

Tutto finito. Per fortuna.

In fondo basta un attimo per ripiombare nello schifo.
Per due giorni, nonostante il mal tollerato clima natalizio, mi sono sentita una persona quasi normale. Certo, non sono mancate le occhiatacce dei vigilissimi AnarcoGenitori all’ennesimo cioccolatino ingurgitato, ma per circa 40 ore mi sono potuta permettere di mangiare e bere come i comuni mortali.

La cosa inquietante è la confusione…
Mi è difficile capire se il ritorno alla “normalità” sia stato quello vissuto nei due giorni di festa appena passati, o il grigio risveglio di questa mattina, accompagnato dalla consapevolezza del ritorno alla (stramaledetta) dieta, agli orari e alla farmaco-tabella-di-marcia.
Non che per Natale io abbia sospeso i farmaci, non sia mai, ma fra un boccone di lasagna e un sorso di CocaCola per mandar giù meglio il pandoro con la crema al mascarpone, le pastiglie potevano facilmente essere scambiate per caramelle.

Qual è la mia “normalità”?
Non lo so più…
È quella che ha subito una brusca, bruschissima, interruzione a ottobre o quella che a ottobre ha avuto inizio?
Quale sarà la mia normalità? Tornerò pian piano ai vecchi ritmi con cambiamenti tanto minimi da riuscire a sembrare irrilevanti o dovrò rimodellare ogni singolo elemento della mia vita?
Il punto è che le domande si moltiplicano, ma delle risposte neanche l’ombra.

Ora mi attendono sette giorni di fuoco.
Sette giorni, una settimana: questo il tempo concessomi per smaltire tutto quel che il cortisone ha pensato bene di ammucchiare nel mio organismo prima di porgere il braccino all’ago e versare una nuova rata ematica, da cui dipenderà il prossimo aggiustamento della mia neo-vita a tavolino.
È tollerabile? A mio parere no.
Settimane di sacrifici e poi, grazie a due chimicissimi micro-bottoncini bianchi, basta un pranzo per mettere su quello che gli altri non metteranno su neanche sommando i pasti di Natale, Capodanno e i dolci dell’Epifania.
Mavvaff*****o!!!

Chiudendo l’angolo delle lamentele, veniamo al momento “l’altra faccia della medaglia”.
Un Natale tutto sommato tranquillo. Solo l’AnarcoFamily e tanti, tantissimi regali.
Utili e dilettevoli, come il cappello nuovo tutto viola-come-piace-a-me con tanto di pon pon in cima, che dall’AnarcoSocio a Capodanno fa freddo e io non mi posso permettere nella maniera più assoluta di aggiungere acciacchi di salute a quelli che ho già. Una valanga di aggeggi da pasticceria, al punto che ora non mi so decidere su quale possa essere la prossima impresa pasticciera da tentare. Un CD che aspettavo da tanto e che, proprio per questo, sto apprezzando ancora di più. I biglietti per un concerto di cui, per una serie di motivi validissimi, vi parlerò come si deve a tempo debito e di cui, per il momento, mi limto a dirvi: AnarcoSocio for President! ♥

C’è però un primo classificato fra i regali e l’assurdità è che i ringraziamenti vanno proprio alla schifosissima vita imposta di questi ultimi mesi.
Dopo quasi sei mesi di lacrime versate in silenzio, il più possibile di nascosto da occhi più o meno indiscreti, sono riuscita a prendere in braccio la gioia della mia vita, la splendida, unica, inimitabile, meravigliosa AnarcoNipotina!
Averla in giro per casa per tutta la giornata ha reso il Natale un’esperienza da ricordare col sorriso perfino per me, perché sorridere, non con le labbra, ma col cuore, è l’unica cosa che si può fare guardando quel piccolo terremoto che scorrazza da un giocattolo all’altro dopo averli disseminati ovunque.
Sbaciucchiarmela, mordicchiarmela, spupazzarmela, ma soprattutto stringerla forte, tenerla fra le braccia, con la consapevolezza di essere riuscita ad acchiapparmela da sola, senza che qualcuno dovesse sollevarla da terra per me, riuscire a stritolarmela per più di 5 minuti senza sentire braccia, gambe e schiena cedere sotto il suo peso piuma, e godermi la sua risata, le sue coccole e i suoi bacetti quando, di fronte alle braccine alzate, l’AnarcoZia se la agguanta come non riusciva più a fare da mesi.

 

Rimani sempre come sei ora,
un sole che splende e scalda il cuore
anche nei momenti più freddi e bui.

Grazie Letizia!!!
♥ ♥ ♥

Categorie: AnarcoFamily, Blog, Capita anche a me..., Cucina, Dieta, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, Musica, PseudoNormalità, Sclero, Scrittura, Sproloqui d'Inchiostro, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: