Articoli con tag: Happy New Year!

E 2018 fu…

2018

 

Meno tre, due, uno… 2018ooooo!!!!!

Vacanze già finite, ma va bene così.
Un raffreddore importante si è accomodato di traverso fra me e i programmi che avevo per questi giorni di tregua dalla vita ‘normale’, senza però riuscire a fermarmi del tutto.

Nessun buon proposito, è una tradizione che ho abbandonato da tempo, ma questo non significa che manchi la buona volontà di impegnarmi a fare di ogni nuovo anno un anno migliore.

I progetti sono meno del solito, ma solo perché sono più impegnativi e, spero, meglio focalizzati sugli obiettivi da raggiungere. Il lavoro da fare sarà davvero parecchio e le garanzie di riuscita, almeno per ora, sono pressoché nulle, ma sono convinta che, comunque dovesse andare, il mio bagaglio di esperienza ne uscirà arricchito come mai prima.

Il 2017, con tutti i suoi alti e bassi, ha portato nella mia vita alcune persone nuove che mi hanno dato lo scossone necessario per affrontare le paure e i timori che mi facevano esitare riguardo al mio sogno di fare delle traduzioni una professione. La strada da fare è ancora tanta, ma trovare dei modelli a cui ispirarmi per riprendere il mio cammino è stato fondamentale.

L’anno passato è stato un ricettacolo di cambiamenti, alcuni piccoli, altri decisamente grandi. La confusione in testa è tanta e ancora non so come riuscirò a gestire tutto, ma, come già detto, la buona volontà non manca, quindi confido di trovare presto la quadra per far funzionare tutto al meglio.

Non siamo onnipotenti, ma se c’è una cosa che ho imparato dal 2017, è che possiamo essere uno dei fattori determinanti nell’evolversi della nostra vita, ed è proprio da questa nuova consapevolezza che vorrei provare a ripartire, facendone una sorta di mantra per il 2018, perché possa essere davvero l’anno della svolta.

 

BUON 2018!!!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Buoni Propositi, Capita anche a me..., Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Ma buongiorno Signor 2017!

anno-year-год-2017

 

È ufficiale: abbiamo archiviato questo tremendo 2016!

In realtà non è proprio così, dato che il calendario medico è l’innegabile prova degli strascichi che mi ha lasciato in eredità, ma ho deciso di lasciare al 2016 quel che nel 2016 ha avuto origine, quindi pagina voltata: un nuovo, benevolo foglio bianco aspetta solo che io lo riempia di momenti felici e novità entusiasmanti.

Per quanto riguarda il blog posso dirmi soddisfatta per aver raggiunto l’obiettivo che mi ero posta, ovvero “superare” le statistiche del 2014, ma l’idea sarebbe quella di continuare a crescere e di migliorare ancora in costanza, aspetto che tuttora mi risulta piuttosto ostico.

L’ultimo acquisto dell’anno è stato all’insegna di una delle mie più grandi passioni, la meravigliosa lingua russa, e ho deciso che lo stesso varrà per il primo acquisto del 2017, anche se le nuove pubblicazioni interessanti sono tantissime, i soldi pochi e, di conseguenza, la scelta si fa difficilissima.

Non stilerò la canonica lista dei buoni propositi. Non che, quando mi è capitato di farla, io poi non mi ci sia applicata, è che proprio me ne dimentico nel giro di pochi giorni, nel migliore dei casi poche settimane.

Quello che posso dire è che i progetti che mi si agitano in testa sono pochi per i miei standard, ma la ridotta quantità è ben controbilanciata dal notevole innalzamento del loro livello di complessità: meglio poche cose fatte bene che tante fatte male, soprattutto ora che le energie sono razionate.

Ad esempio, la prima cosa che ho fatto, terminata la nottata con gli amici, è stata “imbrattare” la mia prima Moleskine originale, un lusso che non mi ero mai concessa perché avevo sempre visto lo storico taccuino come una sorta di Sacro Graal, da non contaminare con parole futili e insignificanti. La verità è che solo scrivendo tutto quel che passa per la testa si ha davvero la possibilità di riuscire a scrivere qualcosa di buono, mentre se ci si autocensura, nella convinzione di aver poco di valido da dire, si finisce per lasciarsi scappare anche le idee degna di nota.

Forse l’unico simil buon proposito per quest’anno, altro non è che il rinnovo del mio più classico e inflazionato proposito da anno nuovo: scrivere.
Scrivere ogni volta che qualcosa mi fa arrabbiare, scrivere ogni volta che mi sento giù, scrivere ogni volta che vorrei abbuffarmi di qualcosa che non posso mangiare, scrivere ogni volta che i farmaci sembrano farmi più male che bene, scrivere ogni volta che i dolori rendono insooportabile il semplice atto di respirare, ma anche scrivere ogni volta che gli occhi degli AnarcoNipotini si illumineranno vedendomi, scrivere ogni volta che un istante indimenticabile si aggiungerà all’elenco di quelli trascorsi con l’AnarcoSocio, scrivere ogni volta che mi farò una risata di cuore con un’amica, scrivere ogni volta che gli esiti delle analisi miglioreranno.

Proprio come i progetti, per il 2017 le motivazioni per cui scrivere sono diminuite, ma quelle rimaste sono più serie e impegnative che mai, quindi chissà mai che possa essere l’anno buono.

Intanto la prima fiaba del 2017 ve l’ho già rifilata, perché, anche se le fiabe non sono farina del mio sacco, le buone abitudini vanno mantenute.

 

Buon 2017!!!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Buoni Propositi, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: