Articoli con tag: AnarcoNipotina

Oggi va così… #4


 

Oggi va così perché…

Perché a volte è bello poter credere che le coincidenze non esistano e che i “segni” siano tali, nella loro quasi banale semplicità, senza stare a farsi troppe domande in merito.

Perché a volte è giusto concedersi di concentrarsi sulla metà piena del bicchiere, lasciando qualunque riflessione su quella vuota a un “dopo” non meglio definito.

Perché a volte credere è fondamentale, non importa in cosa, purché ci si creda.

Perché a volte rimanere tagliata fuori dal mondo per un fastidioso problema di connessione è la cosa migliore che possa capitarti, l’opportunità più stimolante per riprendere in mano carta e penna.

Perché a volte volgere lo sguardo al sole che sorge fuori dal finestrino dell’auto, sfumando il cielo azzurro di rosa e arancio, è sufficiente a farti apprezzare il viaggio, al di là del fatto che la destinazione sia poco invitante.

Perché a volte l’ottimismo è un’occasione da cogliere al volo, non un affabulatore da cui guardarsi con prudente malfidenza.

Perché a volte allentare un po’ la tenacia e l’ostinazione nella lotta, abbandonandosi al corso delle cose, è la scelta più riposante e rigenerante che si possa fare.

Perché a volte, semplicemente, tutto possa andare come deve andare.

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Capita anche a me..., Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, Musica, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Sarebbe possibile?

epifania-2017-befana

 

Grazie all’AnarcoPatia mi ritrovo, per l’ennesima volta, a trascorrere le feste a dieta.

Sfornare tre teglie di biscotti al cioccolato, con cui riempire le calze degli AnarcoNipotini, senza assaggiarne neanche uno non è da tutti e, di sicuro, non è da me: nonostante questo ce l’ho fatta.

Alla luce di questo, cara Signora Befana, per quest’anno sarebbe possibile sostituire i dolciumi che non potrò permettermi di rubacchiare con qualcos’altro?
Non saprei, delle gambe sane, ad esempio, o delle braccia funzionanti, o magari anche un fegato un po’ meno intossicato dai farmaci.
Lo so, lo so, sono la solita esosa, quindi abbasserò un po’ il tiro, ripiegando sui libri, come prevedibile, ma anche un posto tutto mio dove custodirli, leggerli, tradurli e, chi lo sa, magari anche iniziare a scriverli sul serio, in parallelo a un nuovo lavoro più consono alle mie condizioni di (non) salute.
Ancora troppo, eh? Va bene, allora rilancio con un po’ più di forza, innanzi tutto emotiva, ma anche fisica, perché è proprio quella a mancarmi: l’energia. L’energia per restare sveglia un’ora in più la sera per leggere, scrivere o anche solo per riuscire a vedere un film fino alla fine, l’energia per stare in piedi il tempo necessario a visitare una mostra con l’AnarcoSocio, l’energia per impastare e poi stendere un intero panetto di pasta frolla al cacao, perché come i biscotti della zia non ce n’è.

Insomma, per quest’anno sarebbe possibile avere una calza piena di serenità e di un pizzico di “normalità”?
Così, giusto per cambiare un po’…

 

Buona Epifania 2017!!!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Dieta, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

In Busta Chiusa: V – Veloce

busta-chiusa-lettera-v

 

Veloce come un bel libro

 

Sai, piccola L,
il mondo è un posto strano.
Ha tante cose bellissime, ma anche tanti difetti.
Uno dei peggiori, forse perché non c’è modo di correggerlo, è il suo sfrecciare veloce attraverso il monotono ma inesorabile ticchettio del tempo.

È difficile da spiegare, soprattutto a chi, come te, vive ancora ogni giornata come un’avventura piena di novità da scoprire, posti da esplorare, cose da imparare.
Tu stessa sembri crescere a una velocità folle e incontrollabile.
Veloce è il continuo cambiamento dei tuoi lineamenti, delicati eppure così espressivi.
Veloce è l’arricchimento del tuo fantasioso e originale vocabolario.
Veloce, ormai, è il tuo passo quando sali e scendi le scale senza neanche più appoggiare la manina al muro per non perdere l’equilibrio, proprio “come fanno i grandi”.

Molto presto il variopinto universo della zia smetterà di affascinarti, quel mondo fantastico che in realtà è solo una mansarda in cui l’accumulatrice compulsiva che c’è in me ha dato sfogo alla propria indole.
Molto presto vedrai molte delle mie cose per quello che sono realmente, cianfrusaglie, e allora forse l’aura “magica” che circonda la zia perderà un po’ della sua luce, ma vorrei che del gran caos di quei locali ricordassi una cosa in particolare: i libri, l’enorme quantità di libri.

Sono sicura che, giorno dopo giorno, sarai sempre un pochino più consapevole e più capace di costruirti da te la tua strada, ma so anche che plasmerai quella strada valutando quel che hai intorno: cose belle e cose brutte, utili e inutili, persone buone e persone cattive, atteggiamenti positivi e atteggiamenti negativi, esperienze che fanno bene ed esperienze che, pur avendo una lezione da insegnare, fanno male.

Quello che vorrei ti restasse impresso è che nessuno è perfetto, nemmeno nella cerchia dei “grandi” che tu ora vedi come invincibili, ma molto di quel che della zia ti piace, molto di quel che ho di buono deriva dal mio amore per i libri.

Tanti tanti anni fa Cicerone ha detto che “Una stanza senza libri è come un corpo senz’anima” ed è proprio questo il punto: ognuno dei circa 6000 volumi che ho “adottato” in 32 anni di vita è un tassello del caleidoscopico mosaico della mia anima.
Ogni libro è un’emozione, un ricordo, una persona, un momento, un segnalibro per fissare nella memoria un passaggio importante di un libro ben più articolato e complesso: la vita.

Non si può sapere cosa ci sia in serbo per noi nella pagina successiva, ma questa è la prospettiva con cui vorrei che continuassi a pensare alla zia, a me, anche quando il tempo ti avrà incastrata nel suo veloce e inarrestabile vorticare.
Mi piacerebbe che, proprio come me, scegliessi di conservare qualcuno dei tuoi primi libri e che, fra quelli, ce ne fosse almeno uno di quelli che ti ho regalato io, trasformato, o almeno così spero, in un segnalibro messo a contrassegno di uno di quei ricordi a cui si ripensa sempre col sorriso, in quel libro ancora tutto da scrivere che è la tua, di vita.

Ricorda, piccola L,
non importa quanto veloce il tempo e la vita mi costringeranno a correre per non perdere il passo, per non perdermi nulla di ciò che hanno da offrire: una cosa che non perderò mai sarà la capacità di mettere tutto in pausa, perfino la folle e impetuosa corsa del tempo, ogni volta che avrai bisogno di me, perché i momenti trascorsi con te sono i paragrafi del libro della mia vita che scorrono più veloci, ma anche quelli che non posso fare a meno di sottolineare con un delicato ma deciso tratto di matita, così che risaltino sul confuso e indistinto sfondo della quotidianità.

Ti voglio bene,
Zia V

 

In Busta Chiusa n. 22, un progetto di Cartaresistente
Lettera V di VeRA Marte
Illustrazioni di Davide Lorenzon

Categorie: Blog, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , | 20 commenti

Ottobre Rosso.

ottobre-rosso-красный-октябрь-red-october

Image Credit © VeRA Marte

 

Scherzetto! Nonostante la mia conclamata russofilia, questo post nulla ha a che fare con gli eventi della rivoluzione d’ottobre avvenuta nel 1917 nella Grande Madre Russia.

L’unico sangue versato è stato il mio, infatti ho iniziato il mese con l’abituale gita trimestrale al Centro Prelievi: vi lascio immaginare con quale gaudio io abbia accolto il trillo della sveglia sabato mattina.

Non ho grandi aspettative rispetto a questo giro di analisi, forse perché le mie aspettative non coincidono mai con gli esiti effettivi, positivi o negativi che siano.

Spiegare la mia apparente indifferenza, in fondo, è semplice: arriva un momento in cui smetti di lasciarti ossessionare dai numeri stampati sui referti, e inizi a concentrarti su quale sia stato il reale impatto della malattia sulla tua vita e su cosa significhi davvero conviverci giorno dopo giorno.

Dopo aver pianto, dopo essermi arrabbiata, dopo aver finto che non fosse mai successo nulla, non ho potuto fare altro che prendere atto della realtà.

Così ho imparato a riposare gli occhi da computer e televisione almeno ogni due ore, a non sacrificare preziosi minuti di sonno per niente al mondo, a organizzare i pasti in modo da non interferire con l’assunzione dei farmaci.

Quelli nella foto, ad esempio, sono i miei 11 giorni di vacanza a Praga.
Una bella rottura, certo, ma nulla di ingestibile una volta preso il ritmo.

Quando i medici mi dicevano “Sarà una cosa lunga”, non avevo idea che si stesse parlando di anni, e per un sacco di tempo ho vissuto posticipando tutto a “quando sarei stata meglio”. Di sicuro la situazione è migliorata, ma col tempo ai benefici della terapia si sono aggiunti anche gli effetti collaterali, e la sensazione di prigionia si è amplificata.

Dover accettare di stare male per non stare peggio è una gran fregatura.

A un certo punto, però, è stata proprio questa consapevolezza a spingermi a ripartire, a riprendere le redini e le misure della mia (nuova) vita.
Seppur con ritmi molto più blandi, ho ripreso a scrivere, a leggere, a studiare e tradurre, ad andare fuori a cena e al cinema da sola in settimana.
Sono perfino tornata all’estero, prendendo un aereo e scarrozzandomi i bagagli.

Il prossimo obiettivo, tanto banale quanto complicato se si pensa che da mesi ho in nervi delle mani infiammati, è tornare a impastare biscotti di tutte le forme per gli AnarcoNipoti.

Sono convinta che a Leti non dispiacerà affatto riprendere questa vecchia abitudine ma, soprattutto, con ben 6 dentini già attivi e con il 7º e l’8º in arrivo, è proprio ora che anche Tommi si unisca a noi!

 
 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Abisso, Arte Varia, Blog, Capita anche a me..., Поток Сознания, Flusso di Coscienza, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Sclero, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

E sono già 3…

Letizia-3-tre-anni

 
 

BUON COMPLEANNO LETI!!!

 
 

Categorie: AnarcoFamily, Blog, PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Vita | Tag: , , , , , | 2 commenti

Tommaso

Giovedì 21 Settembre 2015 – Ore 03:17
Benvenuto Tommaso!!!

È diffuso in tutta Italia, soprattutto nel Lazio e in Sardegna, anche nelle varianti Tomaso, Tommasino, Tomasso, Tomassino e nelle forme abbreviate Maso, Masino, Massino, tutte in uso anche al femminile. Alla base è il soprannome dell’apostolo dei Vangeli divenuto famoso per la sua incredulità a proposito della resurrezine di Cristo, fatto a cui credette solo dopo averne toccato le piaghe con il dito. Da quell’episodio il nome Tommaso è stato assunto come simbolo di incredulità, riferito alle che non credono finché non sperimentano i fatti con la propria mano. È un nome ampiamente diffuso in ambienti cristiani per il culto dello stesso apostolo, detto Didimo, patrono dei muratori e dei carpentieri; di San Tommaso d’Aquino, filosofo e teologo domenicano del Duecento, grande studioso in campo teologico, filosofico e scientifico, onorato come patrono degli studenti e festeggiato il 7 marzo; del beato Tommaso da Celano compagno e biografo di san Francesco; di san Thomas Becket, assassinato nella cattedrale di Canterbury nel 1170, ricordato il 29 dicembre; di san Tommaso Moro, statista e umanista inglese del XVI secolo, consigliere e ministro di Enrico VIII d’Inghilterra che lo fece giustiziare per tradimento. Tra i personaggi di maggior rilievo si ricordano i filosofi Campanella (1568-1639) e Hobbes (1588-1679); Tommaso Aniello detto ‘Masaniello’, capopopolo della rivolta napoletana contro gli Spagnoli nel 1647; lo scienziato statunitense Edison; il pittore del Quattrocento Masaccio; gli scrittori Tommaso da Celano e Thoas Mann (1875-1955); il poeta e letterato dell’Ottocento Grossi (1790-1853); il poeta e drammaturgo statunitense Stearns Eliot, morto nel 1965. Mai stanco, dotato di un’intelligenza raffinata e di uno spirito vivacissimo, Tommaso è un filosofo nato, uno scienziato brillante, un dotto, un erudito dedito alla lettura e agli studi. Contrariamente a quanto si possa pensare, non ama la soitudine del suo scrittoio ma fa dell’amicizia un punto fermo della propria vita. Generoso, dolce, stabile, fedele, è un marito di cui andare fieri e un padre davvero premuroso, che ama condividere con i propri figli le scoperte e le ricerche che conduce.

Nomi & Nomi, Ed. DEMETRA

 

Lasciarla senza un degno compare di malefatte sarebbe stato un delitto, così a poco più di due anni e mezzo dal debutto dell’AnarcoNipotinA, è fra noi anche l’AnarcoNipotinO.
Ahimè, temo che invece di dimezzarsi, la mia SiZA cronica raddoppierà…

Ben arrivato piccolo, tenero, tostissimo Tommy!!!

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: AnarcoFamily, Blog, Capita anche a me..., PolimioVita, PseudoNormalità, Rompiamo il Silenzio, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Questióne d’Accènto. #3

accento-ударение

Una scoperta tremenda ha dissestato il mio neo-intrapreso cammino sulla via del corretto accento.
Il settentrione ha il potere di deformare non solo la pronuncia delle vocali, ma anche quella delle consonanti.
Prima o poi troverò il coraggio di affrontare anche quelle, ma per il momento rimaniamo alle vocali toniche, aperte o chiuse che siano.

Questa settimana, pensando a quale tema affrontare, ho preso spunto da una visita a sorpresa dell’AnarcoNipotina, e ho deciso di rifilarvi una bella lista di animali.
Chi non ha bimbi che gli gravitano intorno, forse faticherà a comprendere questa scelta, ma vi assicuro che chiedere ai pargoli di fare i versi degli animali è uno dei passatempi più divertenti a cui ci si possa dedicare.
Solo di recente, ad esempio, il gatto dell’AnarcoNipotina ha smesso di sembrare una tigre del bengala digiuna da un mese di fronte a un grosso trancio di carne fresca, ovvero un’indomita belva assetata di sangue.

Mi pare superfluo dire che non sia possibile elencare tutti gli animali esistenti, quindi mi limiterò a quelli imitati dalla duenne di famiglia. Come sempre, se qualcuno volesse chiarimenti sull’accento correto di una bestiola non citata, si senta libero di chiedere nei commenti.

Àsino
Càne
Cavàllo
Coccinèlla → e aperta
Conìglio
Cricèto → e aperta
Delfìno
Elefànte
Farfàlla
Formìca
Gàtto
Giràffa
Leóne → o chiusa
Maiàle
Mùcca
Pàpera
Pècora → e aperta
Pésce → e chiusa
Ràgno
Ràna
Scìmmia
Serpènte → e aperta
Tartarùga
Tòpo → o aperta
Uccèllo → e aperta
Zanzàra
Zèbra → e aperta

Ok, ok, ho un po’ barato, di sicuro la nipotina non imita creaturine come la giraffa, il delfino o la tartaruga, ma li riconosce sui libretti degli animali e le piacciono, quindi li ho aggiunti per rimpolpare un po’ la lista.
Fra l’altro mi sono impegnata a “fare l’adulta”, perché con la mia baby socia gli animali sembrano tutti in miniatura: coniglietto, scimmietta, asinello e così via.

E anche per questa settimana, credo di aver dato.
Al prossimo giovedì!

 

Rompiamo il Silenzio!

 
 

Categorie: Blog, Deliri Linguistici, Malattie Rare, PolimioVita, PseudoNormalità, Questione d'Accento, Rompiamo il Silenzio, Sproloqui d'Inchiostro, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

AnarcoEpifania 2014

Il regalino befanoso degli AnarcoZii.
Image Credit © VeRA Marte

 

In questo caso il prefisso Anarco- ci sta proprio!
Per motivi logistici, infatti, la mia Epifania è stata anticipata a ieri.
La necessità che ha portato all’aguzzarsi, neanche poi troppo in realtà, dell’ingegno organizzativo dell’AnarcoFamily è stato il desiderio che anche l’AnarcoSocio, in temporanea trasferta dalla sottoscritta per l’occasione, fosse presente all’apertura del pensierino per l’AnarcoNipotina, essendo lui co-artefice dell’acquisto.

Così eccomi qui. Reduce da una giornata di assoluto niente, in cui perfino la bilancia mi ha dato il buongiorno facendomi notare che, in fondo, la mia AnarcoEpifania non me la sono goduta quanto avrei potuto, anzi. Il malefico cortisone, infatti, non è riuscito ad accumulare che un misero chilogrammo netto: un’inezia contro il 1,1 kg del compleanno dell’AnarcoCognato, il 1,5 kg della festa di Natale all’asilo nido della Nipotonzola e il 1,8 kg del pranzo di Natale.
Emmenomale che l’Epifania dovrebbe essere la festa dei dolci…

Insomma, oggi nullafacenza totale. Ho smistato un po’ di posta elettronica, finito uno dei mille libri in lettura, guardato due film e sonnecchiato random sul divano, mentre aspettavo che pomata e ghiaccio facessero la loro parte sulla gamba ancora svirgola dopo il ribaltone dalle scale.

Domani la vita riprende.
Per gli altri.
Per me il solito tran tran.

Io vivo a casa, lavoro a casa, studio a casa, mi “diverto” a casa, faccio shopping da casa, trascorro le vacanze a casa, mi curo a casa… Vi viene in mente altro? Qualunque sia la vostra risposta, beh, sappiate che io lo faccio standomene a casa.
Sono abbastanza sicura che qualcuna/o di voi abbia già fatto in tempo a pensare “Beata te!”, ma credetemi, a lungo andare è logorante. Si perde la percezione delle proprie azioni, perché finiscono per essere tutte uguali. Niente luoghi, niente orari, niente interazioni umane, niente colori, niente meteo, niente odori, niente pause, niente di niente, come una sorta di pantomima teatrale a scenografia fissa.
Ci sono momenti in cui perfino i treni in perenne ritardo riescono (quasi) a mancarmi. Ho fotografato decine di magnifiche albe durante le attese impreviste sulle banchine della mia stazione dispersa nel nulla. Mi manca il piacere di entrare in una libreria e scegliere i libri sfogliandoli, invece che con un click. Mi manca la frenesia, altrui, dell’onnipresente coda negli uffici postali, a cui sopravvivo senza fatica grazie alla lettura. Mi manca il controllo quotidiano di ben tre app meteo per decidere quanto coprirmi il giorno successivo. Mi manca il tornado di suoni e odori che mi investe ogni volta che entro nel mio barettino della metropolitana, pronta a imbrattare d’inchiostro pagine ancora troppo bianche, col tepore di un cappuccino a scaldarmi lo stomaco da cui, molto spesso, sgorgano le parole migliori, quelle scritte d’impulso. Ah, il mio cappuccino extra zucchero di canna con brioche alla crema!

Devo aggiungere altro o si è già capito che mi annoio a morte?!
La quantità mastodontica di attività con cui mi impongo di impegnare il mio tempo si sta rivelando insufficiente, o meglio, l’ambientazione immobile e immutabile le sta fondendo tutte in un unico grande affaccendarsi che sembra non portare da nessuna parte, perché sfuocato, confusionario e indistinto.

So che appena rimetterò i miei pied(on)i instabili là fuori mi pentirò amaramente di ogni singola lagna digitata su questo blog. So che, per come sono ora, riprendere il ritmo costerà una fatica disumana sia al mio corpo che alla mia mente, ma non posso farci nulla: mi annoio. Mi sembra di star perdendo grandi fette di vita che, quando potrò di nuovo mangiarle, saranno ormai andate a male, acide, da buttare, e allora, concedetemelo e perdonatemelo, mi lamento: almeno scrivo, che è sempre una buona cosa.

 

Buona Epifania a tutte e tutti!!!

Categorie: AnarcoFamily, Blog, Buoni Propositi, Capita anche a me..., Dieta, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, PseudoNormalità, Sclero, Scrittura, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Fra le Braccia.

 

Tutto finito. Per fortuna.

In fondo basta un attimo per ripiombare nello schifo.
Per due giorni, nonostante il mal tollerato clima natalizio, mi sono sentita una persona quasi normale. Certo, non sono mancate le occhiatacce dei vigilissimi AnarcoGenitori all’ennesimo cioccolatino ingurgitato, ma per circa 40 ore mi sono potuta permettere di mangiare e bere come i comuni mortali.

La cosa inquietante è la confusione…
Mi è difficile capire se il ritorno alla “normalità” sia stato quello vissuto nei due giorni di festa appena passati, o il grigio risveglio di questa mattina, accompagnato dalla consapevolezza del ritorno alla (stramaledetta) dieta, agli orari e alla farmaco-tabella-di-marcia.
Non che per Natale io abbia sospeso i farmaci, non sia mai, ma fra un boccone di lasagna e un sorso di CocaCola per mandar giù meglio il pandoro con la crema al mascarpone, le pastiglie potevano facilmente essere scambiate per caramelle.

Qual è la mia “normalità”?
Non lo so più…
È quella che ha subito una brusca, bruschissima, interruzione a ottobre o quella che a ottobre ha avuto inizio?
Quale sarà la mia normalità? Tornerò pian piano ai vecchi ritmi con cambiamenti tanto minimi da riuscire a sembrare irrilevanti o dovrò rimodellare ogni singolo elemento della mia vita?
Il punto è che le domande si moltiplicano, ma delle risposte neanche l’ombra.

Ora mi attendono sette giorni di fuoco.
Sette giorni, una settimana: questo il tempo concessomi per smaltire tutto quel che il cortisone ha pensato bene di ammucchiare nel mio organismo prima di porgere il braccino all’ago e versare una nuova rata ematica, da cui dipenderà il prossimo aggiustamento della mia neo-vita a tavolino.
È tollerabile? A mio parere no.
Settimane di sacrifici e poi, grazie a due chimicissimi micro-bottoncini bianchi, basta un pranzo per mettere su quello che gli altri non metteranno su neanche sommando i pasti di Natale, Capodanno e i dolci dell’Epifania.
Mavvaff*****o!!!

Chiudendo l’angolo delle lamentele, veniamo al momento “l’altra faccia della medaglia”.
Un Natale tutto sommato tranquillo. Solo l’AnarcoFamily e tanti, tantissimi regali.
Utili e dilettevoli, come il cappello nuovo tutto viola-come-piace-a-me con tanto di pon pon in cima, che dall’AnarcoSocio a Capodanno fa freddo e io non mi posso permettere nella maniera più assoluta di aggiungere acciacchi di salute a quelli che ho già. Una valanga di aggeggi da pasticceria, al punto che ora non mi so decidere su quale possa essere la prossima impresa pasticciera da tentare. Un CD che aspettavo da tanto e che, proprio per questo, sto apprezzando ancora di più. I biglietti per un concerto di cui, per una serie di motivi validissimi, vi parlerò come si deve a tempo debito e di cui, per il momento, mi limto a dirvi: AnarcoSocio for President! ♥

C’è però un primo classificato fra i regali e l’assurdità è che i ringraziamenti vanno proprio alla schifosissima vita imposta di questi ultimi mesi.
Dopo quasi sei mesi di lacrime versate in silenzio, il più possibile di nascosto da occhi più o meno indiscreti, sono riuscita a prendere in braccio la gioia della mia vita, la splendida, unica, inimitabile, meravigliosa AnarcoNipotina!
Averla in giro per casa per tutta la giornata ha reso il Natale un’esperienza da ricordare col sorriso perfino per me, perché sorridere, non con le labbra, ma col cuore, è l’unica cosa che si può fare guardando quel piccolo terremoto che scorrazza da un giocattolo all’altro dopo averli disseminati ovunque.
Sbaciucchiarmela, mordicchiarmela, spupazzarmela, ma soprattutto stringerla forte, tenerla fra le braccia, con la consapevolezza di essere riuscita ad acchiapparmela da sola, senza che qualcuno dovesse sollevarla da terra per me, riuscire a stritolarmela per più di 5 minuti senza sentire braccia, gambe e schiena cedere sotto il suo peso piuma, e godermi la sua risata, le sue coccole e i suoi bacetti quando, di fronte alle braccine alzate, l’AnarcoZia se la agguanta come non riusciva più a fare da mesi.

 

Rimani sempre come sei ora,
un sole che splende e scalda il cuore
anche nei momenti più freddi e bui.

Grazie Letizia!!!
♥ ♥ ♥

Categorie: AnarcoFamily, Blog, Capita anche a me..., Cucina, Dieta, Поток Сознания, Чернила, Flusso di Coscienza, Inchiostro, Ink, Musica, PseudoNormalità, Sclero, Scrittura, Sproloqui d'Inchiostro, Stream of Consciousness, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Improbabili Bontà… #3

Image Credit © VeRA Marte

 

Quale modo migliore per festeggiare la perdita di un altro chilo??!

La follia passticciera continua…
Fra un esperimento del tutto fallito e uno riuscito, si conclude anche questa settimana, che ha portato tante belle novità.
La sospensione delle punture, una pastiglia in meno, due visite andate bene, la ripresa a pieno ritmo con lo studio del russo, la ferita alla gamba quasi guarita.
Non che siano mancati gli imprevisti, come la prepagata quasi mai usata che si smagnetizza da un momento all’altro, o un buono sconto che risulta avere più cavilli scritti in piccolo che validità effettiva, ma non importa, non ci si lascia mica fermare da queste piccolezze, no?!

Stamattina la casa profuma di biscotti e il mio libricino, Pensieri Quotidiani, oggi propone una riflessione sull’arte, sulla sua bellezza e sul senso di armonia e serenità che sa trasmettere.
Nel pomeriggio mi aspetta la prima festa di Natale dell’AnarcoNipotina e stasera la mia pizza settimanale.

Come si fa a lamentarsi in una giornata così?

 

Buona domenica a tutte e tutti!!!
Всем замечательного воскресенья*!!!

 
 

*Vsjém zamichátjelnava vaskrjsjénja!!!

Categorie: AnarcoFamily, Capita anche a me..., Cucina, PseudoNormalità, Vita | Tag: , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: